I libri più belli, letti nel 2011

E’ arrivato il momento dei libri più belli, letti nel 2011.

Come negli anni scorsi indichiamo i libri che ci sono piaciuti, che ci hanno affascinato, che ci fanno discutere.

Questo post dei “libri più belli dell’anno” è ormai una tradizione del blog; una fonte preziosa di consigli, suggerimenti di lettura, domande, dubbi anche. Ricchezza della quale dobbiamo ringraziare tutti i lettori che partecipano: i lettori, la vera forza di questo blog.

Le regole sono sempre le stesse: i migliori libri letti nel corso dell’anno, indipendentemente da quando siano stati pubblicati. Ma ovviamente valgono richieste di consigli, scambi di pareri, suggerimenti…

Usiamo i commenti.

Pronti via!

About these ads

1.400 pensieri su “I libri più belli, letti nel 2011

  1. Finito da poco 11/22/’63 di Stephen King,molto bello,per niente scontato e con un finale che ti fa calare la lingua fino ai piedi……..non voglio rivelare nulla perché probabilmente alcuni di voi lo stanno leggendo o ne hanno intenzione,ma ve lo consiglio con tutto il cuore….Ciaoo!!!!!

    :-) :-) :-)

    Mi piace

  2. Ve lo devo proprio raccontare, martedì scorso con la mia classe di letteratura spagnola siamo stati invitati ad un incontro con Mario Vargas Llosa, che io ho sempre amato molto prima del Nobel.

    L’incontro era a Montecitorio, nell’aula della Camera, strapiena e con gente in piedi, accolti da Fini con la sua bella abbronzartura da Capodanno alle Maldive.
    Oltre a Fini che ha fatto una breve introduzione, c’era uno psicanalista alquanto impacciato ma non per questo meno prolisso, che nella ricerca delle più belle ed intelligenti espressioni ci ha fatto soffrire per il suo esitante balbettare. Non ne dirò il nome, poveretto.

    E infine ha parlato lui Vargas Llosa, naturalmente in spagnolo, con la semplicità, chiarezza e simpatia che mi piacerebbe trovare in tutti quelli che parlano in pubblico e non solo.
    Non stonava il fatto che è ancora un bell’uomo, di gran fascino
    L’argomento erano ‘Le realtà parallele’ e cioè il ruolo della letteratura nel tirarci fuori dalla realtà quotidiana, quasi mai soddisfacente, per portarci in un mondo di sogno che arricchisce la nostra esistenza. Tutti noi abbiamo una vita segreta, inventata da noi stessi che si svolge in contemporanea con la nostra vita reale e che ci serve da rifugio quando la realtà è dura da sopportare o semplicemente troppo grigia. In questo ci aiuta la letteratura ed è sempre stato così, dai primi cantastorie a tutt’oggi

    Forse è un argomento non troppo originale, ma vi assicuro che lui lo ha reso affascinante

    Alla fine Vargas Llosa è stato letteralmente assalito dai suoi ammiratori e, con uno dei suoi libri in mano, anche io sono riuscita ad ottenere un suo autografo sulla prima pagina, il primo ed unico che io abbia mai chiesto ed ottenuto nella mia vita

    E questo è tutto cari amici che in questo periodo state un po’ nascosti, come del resto ho fatto io che rimando a presto il commento sulle mie ultima letture

    .

    Mi piace

  3. Continuo a ringraziare Domenico Fina per avere segnalato Ornela Vorpsi. Ho letto in un baleno i suoi racconti pubblicati da Einaudi nel libricino “Bevete cacao Van Houten” e li ho trovati strepitosi. Ritratti di donne: madri, nonne, mogli, ragazze-immagine; ma anche di uomini, come l’indimenticabile Petraq, citato da Domenico, che sembra uscito da un quadro di Chagall o da un racconto di Bruno Shulz. L’Albania sullo sfondo del passato. L’Europa che non risulta la proiezione dei nostri desideri, delle nostre illusioni, nel presente. Ritratti sospesi. Racconti sospesi.
    Praticamente apolide (nata a Tirana, emigrata a Milano – ha studiato a Brera-, vive da diversi anni a Parigi), ha scelto l’italiano come sua lingua letteraria. E scrive con rara eleganza e una padronanza della nostra lingua da fare invidia a tanti scrittori italiani. E’ anche fotografa e pittrice (sue sono le foto sulle copertine dei suoi libri). Artista a tutto tondo.
    Dopo questi racconti affronterò anche i suoi romanzi. I due “Einaudi”, piuttosto brevi (un centinaio di pagine) sono facilmente reperibili nella stessa collana. Tra essi ce ne è un altro, un racconto di una cinquantina di pagine, pubblicato da Nottetempo nel 2006: “Vetri rosa”.

    Contento anche per Polissena e per il suo straordinario incontro. :-)

    Mi piace

  4. ho preso nota : Ornela vorpsi. E bruno Shulz con le botteghe color cannella, me lo hai ricordato. Con una certa stretta al cuore. ciaociao

    Mi piace

  5. Sì, molto efficace la tua narrazione, Polissena. Peccato che tu non ci dica il peccatore( lo psichiatra esitante), chè si sa quanto sia succoso conoscere i peccatori più che i peccati. Quanto alle ” vite parallele”, è vero che i grandi ( in tutti i campi) si manifestano proprio nel modo – semplice e lineare- di svelare agli altri cose che sarebbero sotto gli occhi e non si vedono nè si sentono. Ciao.

    Mi piace

  6. Polissena carissima… grazie!, sai che in questi giorni, nel mio poco tempo libero, sto leggendo per l’ennesima volta Lettere a un aspirante romanziere…
    sono felice che tu o abbia incontrato… mi e’ molto simpatico! (come mi sei simpatica tu!!!)

    saluti a tutti simpatici pure loro… a presto

    ciao Luigi, ma quando arrivano i libri del 2012?!!! ;-)

    Mi piace

  7. Grazie, Massimo. Marina Forlani, ” Rosso come una sposa” è della Ibrahimi, albanese che scrive in italiano anche lei, con bei risultati.

    Mi piace

  8. @ renza, lo psicanalista si chiama Raffaele Bracalenti, già lo penalizza il suo cognome!
    Mi fa piacere di ritrovarti, come anche di vedere che la cara Vera ci segue sempre.

    Io comunque non ho finito con Vargas Llosa, perchè oggi pomeriggio sono andata a vedere al teatro Parioli il suo ‘Appuntamento a Londra’ con Pamela Villoresi
    Storia in cui le realtà parallele sono molteplici senza che si arrivi ad identificare quale sia quella reale.
    Vagamente delusa senza neanche sapere perchè

    Mi piace

  9. @Carloesse
    Sono contento che ti sia piaciuta la Vorpsi, anche La mano che non mordi è notevole.
    È un modo di dire albanese – La mano che non puoi mordere la baci – per dire che quando si è alla presenza di una persona che ci vuole sopraffare (in Albania molti uomini verso le donne)
    l’unico modo di ribellarsi è baciare la mano per sdegno.
    È un insieme di storie che affiorano alla memoria della narratrice durante un viaggio a Sarajevo, parenti, amici, cene, costumi di vita italiana, albanese, croata. Lei parte per andare a trovare un suo amico che non esce di casa da sei mesi e parlerà, nel frattempo, d’altro; due tre pagine per ogni microstoria. L’italiano della Vorpsi è sicuramente affascinante, lo stile è giocoso e alle volte stralunato – anche duro all’occorrenza.
    Tra i suoi ricordi c’è quello con uno studente romano di bell’aspetto. La Vorpsi ricorda di una magica sera in cui lei e lui hanno girovagato per Roma, le luci, la musica, il profumo di brillantina, tutto concordava all’amore. Lei a un certo punto sussurra a lui un inatteso Ti amo. Lui lo riferirà a sua cugina, scoppierà un caso diplomatico in famiglia e la Vorpsi, con grande ironia, conclude dicendo che non c’era bisogno di andarlo a riferire alla cugina, era un Ti amo destinato a quella sera, all’incanto irripetibile. Avrebbe voluto scompigliare i capelli incollati di brillantina a quell’uccisore della bellezza, a quel ragazzo così incapace di ricevere.

    Mi piace

  10. @Camilla
    1) Sì, le botteghe color cannella! Ma non voglio fare un parallelo tra Vorpsi e Shulz, molto diversi, molto distanti. Ma sarà che l’Albania fino agli anni 80 assomigliava probabilmente ad un piccolo villaggio di un qualsiasi paese slavo di prima della guerra….
    2) Il libro che segnali tu era già nella lista dei miei possibili acquisti. Però Julie Otzuka non mi risulta giapponese, ma americana, nata in California e residente a NY. Forse è discendente di una di quelle spose per procura di cui ci narra (ma forse no, è solo venuta a conoscenza di quelle storie), e che rappresenta la prima emigrazione giapponese in USA.
    Ciao

    Mi piace

  11. @Vera: I libri del 2012 pensavo di incominciare il 1° febbraio. Giusto per lasciare un mese di rodaggio. Se però lo volete subito, lo facciamo.
    Sono nelle vostre mani, ditemi voi

    ciao ciao
    abbracci

    Mi piace

  12. Toc,toc?C’è nessuno?Accetto qualche consiglio su un libro che mi intriga ma che devo ancora acquistare:Paesaggio lacustre con Pocahontas di Arno Schmidt.Se qualcuno lo ha letto…grazie.

    Mi piace

  13. @Danitamia. Paesaggio lacustre l’ho eliminato dopo le prime trenta pagine e ,per i miei gusti, è illeggibile anche se credo possa interessare chi ama le sperimentazioni linguistiche.Invece un libro che considero bellissimo e sto leggendo, diviso tra la voglia di finirlo al più presto e di rallentare al contempo per rimanere con questi personaggi il più possibile, è “Il club degli incorreggibili ottimisti” di Guenassia ed. Salani.Ci si commuove e si ride in un affresco parigino degli anni 50 del secolo scorso con nuovi amici che acquisiamo leggendo. E’ una lettura sicura che mi ricorda La famiglia Moskat di Singer. Per chi ama il genere è l’ideale. Non racconto la trama perchè un romanzo è una sorpresa e detesto chi lo fa e poi quello che conta è come si racconta una storia. Buona lettura.

    Mi piace

  14. Grazie roberto 44,avevo letto buone recensioni su paesaggio lacustre,ne terrò conto del tuo consiglio visto che i nostri gusti si avvicinano molto;ho molti arretrati da leggere ma quando passo in libreria vado sempre con la mia lista dei desideri e quest’ultimo è in cima insieme “alla fine”di Scibona.Un abbraccio

    Mi piace

  15. Buongiorno a tutti,
    Sono sempre io, scrittore privo di lettori e di editori.
    sto cercando di pubblicare il mio romanzo: 1945 anno zero sul lago.
    Ma non é di questo che volevo parlare. Ho perso i contatti con Vera e spero che mi ricontatti
    lei. Non ho capito bene come dovrebbero funzionare un gruppo di lettura e spero che qualcuno di voi mi dia un qualche chiarimento.
    Ad esempio é possibile creare un feuilleton a puntate sul vostro blog? così che molti possano
    divertirsi e dirne peste e corna?
    Cordiali saluti.
    Franco Rizzi

    Mi piace

  16. Salve Franco,
    eccomi.
    qui sul blog in passato ho lasciato un’altra email-filtro, non quella privata cu cui ci siamo sentiti!
    si tratta di questa: veraveraeveraeveramveravera@gmail.com
    ma credo che i contatti tra noi siano stati ristabiliti adesso, vero? !

    sentiamo ora cosa dicono gli altri, e Luigi soprattutto, “sul feuilleton a puntate” sul blog…
    secondo me si potrebbe fare un post a parte e si’, potrebbe essere un’idea carina…

    cari saluti a tutti!
    (a tutti)

    Mi piace

  17. Buongiorno Vera,
    mi ha fatto molto piacere ricevere la sua risposta, grazie!
    Trovo di nuovo il nome di Luigi e , per citare Shakespeare, mi ricorda un po’ l’ombra di Banco.
    Per riprendere quello che avevo scritto nella letter to Diana Palmer : fa calldo da lei? qui sotto alla finestra che si affaccia sul lago ( da dove scrivo) il primo pezzetto si é gelato.
    Cordiali saluti a tutti!.
    Franco Rizzi

    Mi piace

  18. Ciao a tutti
    sono una new entry del gdl, ecco brutalmente i miei libri preferiti, in ordine sparso, non di gradimento:
    Cristo si è fermato a Eboli – Carlo Levi
    La montagna incantata – Thomas Mann
    Sostiene Pereira – Antonio Trabucchi
    Le braci – Sandor Marai
    Cigni selvatici – Jung Chang
    Canale Mussolini – Antonio Pennacchi
    Giulia o La nuova Eloisa – J.J. Rousseau
    Le intermittenze della morte – Saramago
    La lunga vita di Marianna Ucrìa – Dacia Maraini
    Le opinioni di un clown – Heinrich Boll
    Dona Flores e i suoi due mariti – J. Amado
    La famiglia Winshaw – J. Coe
    Cuore di cane – Bulgakov
    Anna Karenina – L. Tolstoj
    L’eleganza del riccio – M. Barbery
    De profundis – O. Wilde
    segue….

    Tutti i libri di Michael Connelly e di Danila Comastri Montanari
    Sono troppi, non posso spiegare di ognuno la motivazione.
    Buona lettura!
    Elena

    Mi piace

  19. Pingback: I libri più belli, letti nel 2012 « GRUPPO/I DI LETTURA

  20. Cara Polissena,

    poiché nel nostro Forum sei un vero mito non ho potuto fare a meno di chiederti consigli su titoli di libri interessanti, come “Molto forte, incredibilmente vicino” di Foer (immagino che quest’ultimo costituisca un importante biglietto d’ingresso nella tua vasta e interessante cultura letteraria. E’ bellissimo e molto commovente!), come non ho potuto fare a meno di mettere in pratica questi tuoi bei consigli, ma questo è solo merito tuo e della tua passione per la condivisione delle cose belle.
    Ringraziandoti di cuore, ti prego di illuminarmi su nuovi e appassionanti titoli.
    Ti saluto caramente,

    leonardo

    Mi piace

  21. Maretai70. I tuoi gusti, secondo me, orientati al bello e quindi giustissimi tant’è che ho letto i libri che elenchi ed ho amato moltissimo sia Mann che Amado per non parlare di Wilde o di Marai. Ottima scelta di romanzi. siamo sintonizzati. Ma io vorrei che tu mi suggerissi qualcosa delle novità o delle ultime letture, qualcosa da scoprire. Per es. ho letto ultimamente ” I fratelli ashenakazi” di Israel Singer fratello maggiore di Isaac e, fino agli anni 40 del secolo scorso più famoso del premio nobel; E’ un romanzo fiume con una galleria di personaggi che ti “prendono” e segui in tutto il loro percorso esistenziale, in poche parole un capolavoro della letteratura yiddish da non perdere.
    Benvenuta Elena tra i nuovi amici, aspetto tue nuove.

    Mi piace

  22. @ Leonardo, benvenuto. Mi piacerebbe consigliarti nuovi libri ma per ora non ho fatto scoperte molto interessanti. Basta però che con un po’ di pazienza ripercorri i post del passato, e non solo i miei, e troverai sicuramente dei titoli che non ti deluderanno.
    Grazie agli ‘amici dai molti nomi’ ho conosciuto autori nuovi, vissuto e condiviso emozioni e
    delusioni. Vedrai che, se resti con noi, troverai amicizia e letture valide.

    Ultimamente ho lasciato molti libri a metà. Ho letto invece interamente LE LUCI NELLE CASE DEGLI ALTRI di Silvia Gamberale. Mi era piaciuto il titolo, mi faceva pensare a quelle tristi serate di freddo, pioggia e vento in cui per qualche motivo si sta fuori casa e si vedono le finestre illuminate nelle case degli altri e qualche ombra che si muove dietro le tendine e ci sembra che lì dietro ci sia calore, armonia e famiglie riunite intorno ad una zuppiera fumante
    mentre noi rabbrividiamo di freddo e solitudine

    Beh, Il libro non è così, ma è comunque uno di quei romanzi corali che mi piacciono tanto perchè permettono di disegnare e fare interagire vari personaggi con i loro differenti caratteri e personalità.
    Per buona parte del libro la Gamberale se la cava molto bene, è interessante, piacevole come i suoi personaggi, poi, secondo me, scende un po’ di tono, ma è una scritice giovane e mi sembra che sia sulla buona strada.

    Voglio mandare un appello ad amici silenziosi
    Dove sei Chiara S con cui chiacchieravo tanto l’anno scorso? E dove siete Nadie, Nicole, Ennes, Solopat, Cinderella, New Entry?
    Spero che siate solo in pausa e che tornerete prima o poi

    Ciao a tutti

    Mi piace

  23. Ciao Polissena, ti stavo aspettando pure io!
    grazie!
    quelle sere che descrivi mi piacciono tanto…

    e anche io desidero sentire gli amici di prima, e mi auguro che siano un po’ come me indaffaratissimi ma con un occhio e un pezzetto di cuore affacciati di qua, sul nostro Blog,

    io saluto anche Lucilla, Antonella B, Daniela, lettoreambulanteSimonetta, e Illex!!!

    e chiedo scusa a tutti… (sapete, in queste settimane faccio fatica a rispondere anche a me stessa
    se per sbaglio tento di chiamarmi, o mi mando una email per chiedermi qualcosa!… )

    letture: molte a meta’ pure io, niente di nuovo e bello da segnalare. per ora.
    a risentirvi presto

    Mi piace

  24. Ciao Polissena e ciao agli amici dai molti nomi
    … si sono in pausa scrittura, leggo il sito un paio di volte al giorno come un buon caffè ma non scrivo
    vi leggo, commento da sola, rido, mi arrabbio, prendo spunto per le letture ma comunico poco
    Sono in fase lupo solitario

    belle letture ultimamente non ne ho fatte, libri interrotti parecchi e pure tanti i libri in attesa sui comodini

    per ora mando un grande pensiero ed un abbraccio a tutti gli amici e me ne vado a passeggiare per milano, è una splendida giornata quasi primaverile e qualche gemma sta spuntando sugli alberi …..
    a presto, ciaooo

    Mi piace

  25. … un libro da segnalare ce l’ho

    PER LEGGE SUPERIORE di G Fontana editore Sellerio
    mi è piaciuto molto sia per la figura del magistrato che a 60 anni lotta con sè stesso e con l’idea che ha sempre avuto della giustizia, sia per la descrizione di una milano che a volte io dò un pò per scontata e l’apprezzo poco ed invece dovrei fermarmi a guardare le vie, la gente, gli angoli

    l’avete letto?

    Mi piace

  26. Certo che l’ abbiamo letto, Nicole. Ci ha indotto a farlo un bel post di Pietro 46 invihttp://gruppodilettura.wordpress.com/?s=fontana.
    Il romanzo è molto interessante e per il personaggio magistrato e per la scrittura di Fontana, il quale, pur essendo giovane, sa mirabilmente interpretare riflessioni e pensieri della vecchiaia. Un romanzo scritto molto bene e che racconta una storia ” pulita” e di riscatto etico. Ciao.

    Mi piace

  27. Cari amici,
    poichè quando leggo uno scrittore leggo tutto ciò che di lui si possa reperire sul mercato, ora mi sto dedicando ad I.B.Singer. Mi sto trasferendo nel mondo dei chassidim, della Torah e del Talmud e degli ebrei pii. Singer ti inghiotte, ti porta nel suo mondo fantastico di rabbini e di folletti con Satana e Lilith e nel sogno hai l’opportunità di vivere un’altra vita e mi va bene così non bastandomi la mia. Mi occorreranno sei, otto mesi per leggere tutti i racconti e romanzi. Consiglio di iniziare con la biografia di Florence Noiville a chi si volesse avvicinare a questo grande scrittore ed al contempo pessimo come uomo.Per chi voglia soltanto un assaggio consiglio di non perdersi “La famiglia Moskat”.Nel frattempo vi leggo sempre e prendo nota dei vostri suggerimenti dei quali vi ringrazio.
    Buone letture.

    Mi piace

  28. @roberto944: da vero romanzo popolare, e lo dico in senso positivo, “La famiglia Moskat” prosegue in “La fortezza” e “La proprietà”. Anch’io ho letto quasi tutto di I.B.Singer. I racconti “americani” ispirati dall”ambiente della diaspora ebraica negli Stati Uniti sono interessanti ma solitamente la fascinazione per I.B. Singer nasce, se nasce, per i suoi libri di ambientazione polacca, zeppi di passioni, rabbini, famiglie, cultura e modi di vita dispersi con l’annientamento del secolo scorso.
    Buone letture di I.B. Singer!

    Mi piace

  29. Concordo pienamente, marinaforlani. Il fascino dei libri di I.B. Singer è straordinario in quelli di ambientazione polacca. I racconti ( e i romanzi) dove si muovono e vivono gli ebrei che vivono in America sono meno originali, anche perchè sono diventati una sorta di calco a cui hanno attinto altri scrittori ( e anche registi). Ciao.

    Mi piace

  30. ciao a tutti, e soprattutto a Polissena che molto affettuosamente mi ha ricordato le chiacchierate dell’anno scorso.

    ci sono sempre, o meglio: vi ho sempre letto ma non sono mai intervenuta perchè non avevo molto da dire. Mi sono dedicata a libri decisamente diversi da quelli che venivano qui menzionati. Soprattutto nel periodo in cui vi siete dedicati a Murakami, leggevo i vostri interventi così affascinati e di altissimo livello e io mi sentito un po’ ” imbranata”…

    comunque: mi fa piacere che anche tu abbia apprezzato LA LUCE NELLE CASE DEGLI ALTRI di Chiara Gambarale: veramente molto piacevole. La protagonista, Mandorla (già il nome è troppo bello!) è veramente un incanto!.

    anch’io ho trovato qualche pecca nel libro: i personaggi sono un po’ stereotipati e forse c’è un “piano del condominio” di troppo, anche se non saprei quale togliere! ma, come dici tu, la scrittice è così giovane che le si può perdonare tutto, anche perchè ha davvero saputo raccontare con estrema grazia una storia veramente originale.

    ho letto anche L’AMORE QUANDO C’ERA, sempre della Gambarale: molto dolce anche questo.

    Mi unisco a Camilla nel dire che un altro libro che mi ha colpito è VENIAMO TUTTE PER MARE di Julie Otsuka: un libro che francamente vorrei rileggere un po’ meno frettolosamente.

    questi i libri che ho letto nell’ultimo periodo e che mi sento di segnalarVI:

    UN GIORNO QUESTO DOLORE TI SARA’ UTILE di Peter Cameron

    UCCELLINO DEL PARADISO di Carol Oates

    L’AMICA GENIALE di Elena Ferrante (qualcuno l’ha letto? storia di due bambine di Napoli: veramente piacevole….non vedo l’ora che esca il prossimo)

    OGNI MATTINA A JENIN di Susan Abulhawa (fa riflettere parecchio…..palestina/israele, dal punto di vista di una famiglia di palestinesi. Veramente bello).

    THE HELP di Kathryn Stockett: chissà perchè non ci avrei scommesso un euro (temevo che fosse il solito romanzo “gonfiato” dalla pubblicità, e invece lo trovato molto divertente e appassionante. Per lo meno, a me è piaciuto…).

    L’ISOLA DEI DUE MONDI di Gerardine Brooks. altro bel romanzo dell’autrice del fantastico, unico e specialissimo I CUSTODI DEL LIBRO (romanzo che va assoluamente letto!)

    VOLEVO ESSERE UNA FARFALLA di Michela Marzano: ero decisamente perplessa (parla di anoressia: però l’ho trovato molto interessante e ben scritto).

    ok, mi fermo.

    un affettuoso saluto a tutti!

    Mi piace

  31. Alessandra
    @chiara.s.
    Ciao a tutti sono nuova del gdl. Anch’io ho appena terminato “Un giorno questo dolore ti sarà utile”: Devo dire che mi ha leggermente deluso per un certo tocco eccessivamente superficiale…Per il resto le mie ultime letture sono state “1Q84″ di Murakami H.(mi spiace di aver perso la vostra discussione), “Orgoglio e pregiudizio” di J.Austen , “Jane Eyre” di E:Bronte,”La montagna incantata” di T:Mann, “Frankenstein” di M.Shelley, “Anna Karenina” e sono alle prese con “La lettera scarlatta” di N:Hawtorne.

    Mi piace

  32. mi sono accorta che c’è già “i libri più belli letti nel 2012″… io ho ricopiato là quello che ho scritto qui.

    se lo fate anche voi, vi scriverei direttamente là.

    Mi piace

  33. @Polissena: grazie per quello che mi hai scritto. Che Illex sia una persona speciale non stento a crederlo, ma chissà perchè andate tanto d’accordo…

    Mi piace

  34. “L’arte di ascoltare i battiti del cuore” di Sendker, davvero tra i più belli dell’ultimo anno. E’ un romanzo avvincente, misterioso e misuratamente commovente.

    bb

    Mi piace

  35. Che fatica stilare la Top Five! Vi cito 7 titoli (meno di così proprio non ce la faccio) in rigoroso ordine di gradimento .
    Al primo posto troneggia senza discussione e senza che alcuno possa neanche lontanamente insidiarne la posizione: VITA E DESTINO, Vasilij Grossman, un viaggio unico e straordinario !!
    MONTAIGNE, L’ARTE DI VIVERE – Sarah Bakewell
    LA VITA DAVANTI A SE – Gary Romain
    ASPETTA PRIMAVERA BANDINI – John Fante
    IL DIARIO DI JANE SOMERS – Dora Lessing
    MEMORIALE DEL CONVENTO – Jose Saramago
    LA ZIA JULIA E LO SCRIBACCHINO – VARGAS LLOSA
    Fra i libri poco impegnativi ma ugualmente piacevoli mi piacerebbe ricordare:
    OPEN – Andre Agassi
    E IL POTERE DEL CANE – Don Winslow
    Niente menzione a ‘Il senso di una Fine’ e assolutamente nessuna menzione a “I custodi del Libro” in contraddizione con alcuni amici del Blog: entrambi non mi hanno convinto.

    Mi piace

  36. Hey there, my name is Margie and I’m a fellow blogger out of Dohren, Germany. I like what you guys are up to. There’s no doubt that I libri più
    belli, letti nel 2011 | GRUPPO/I DI LETTURA is an example of intelligent work
    and reporting. Carry on the great work guys: I’ve put you guys on my blogroll.
    I believe it will increase the appeal of my own blog.

    Mi piace

  37. Ciao Dani (e tutti ). Vi segue sempre e sempre con piacere. Avevo appena scritto un commento ma mi è scomparso. Ci risentiamo presto!

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...