Archivi tag: Svezia

Per Petterson, Fuori a rubar cavalli

Per Petterson anche se è norvegese non scrive gialli.
Fuori a rubar cavalli
– (Guanda) è un romanzo tenero e malinconico, allo stesso tempo un romanzo di formazione e un romanzo di memoria.

Il narratore-protagonista, Trond, racconta la sua vita attuale di pensionato lontano dalla citta,  in un rapporto quotidiano con la grande natura norvegese che gli serve per accettare una recente tragedia, ma anche per ricordare e narrarci – anche in seguito a un incontro inatteso – un’estate di vacanza da adolescente, trascorsa con il padre in una baita e nei boschi, un’estate che lo aiutò a diventare adulto ma che portò anche una grande ferita affettiva, un abbandono inconcepibile e mai sanato. Continua a leggere

La principessa di ghiaccio, Camilla Läckberg

Winter in Sweden - foto: Steffe, flickr
Winter in Sweden - foto: Steffe, flickr

Le varie recensioni che si leggono in giro strillano a grandi caratteri: la nuova erede di Stieg Larsson, per parlare di Camilla Läckberg, che con Marsilio ha pubblicato *La principessa di ghiaccio*.

Di un giallo si tratta, protagonista non è un commissario della polizia svedese e neppure un investigatore privato, ma una scrittrice, Erica Falck. Biografa, ha al suo attivo diverse biografie di scrittrici svedesi, quando torna a Fjällbacka _ridente località turistica durante l’estate, paesino di pescatori in inverno, situata sulla costa ovest della Svezia, proprio sotto alla Norvegia_ dopo la morte dei genitori, per occuparsi della bella casa. Ma presto la sua attenzione sarà attirata da altro: Alexandra, la sua migliore amica quando erano bambine, viene trovata morta, apparentemente suicida, nella vasca da bagno di casa sua, con le vene tagliate e ricoperta dal ghiaccio del freddo inverno svedese.
Continua a leggere

“Musica rock da Vittula”: una 4a un po’ scolastica…

…per un bel romanzo di formazione. In questo periodo di letargia personale e di piogge primaverili che non finiscono più questa narrazione mi ci voleva. Anche se un pò scolastica la quarta di copertina è veritiera (Universale Economica Feltrinelli) ma soprattutto non è la parte del libro scritta meglio.

La vita di due amici, ragazzini e poi ragazzi, a Vittula, cittadina primitiva del nordissimo della Svezia, negli anni 60′. Molto alcool, molta sauna, molta forza bruta, esibita nelle risse e nei rapporti familiari e narrata nella ridicola e inverosimile epica popolare. Alcune pagine di memorabile ripugnanza (i topi) e la musica rock, ascoltata, sognata, malsuonata. E le ragazze.

Qualcuno l’ha letto?