Paura della matematica, Peter Cameron

Premessa: il genere del racconto non è fra i miei preferiti, come forse ho già avuto modo di scrivere su questo blog.
Forse perché è qualcosa troppo fugace, finisce subito, e non ti consente di addentrarti troppo in profondità in un mondo diverso, nuovo. Giri la pagina, ed è già finito. Inizia subito il successivo, e allora cosa fai, li leggi di fila uno dopo l’altro? Difficile, ci vuole un po’ di tempo per smaltire una lettura, per ripensarci e tornarci sopra. Rimanere nelle atmosfere di ciò che hai letto. E quindi cosa fai? Smetti di leggere, per quella sera? Ogni volta che mi capita, mi vengono i nervi. E così mi succede che, fra un mattone di 1.000 pagine e un racconto breve di 10, io mi butti più facilmente sul primo.

Nonostante questo, però, ogni tanto mi capita di leggere qualche raccolta di racconti, quasi sempre, devo ammetere, ora che ci penso, con esiti veramente positivi _non ricordo se ho mai parlato dei racconti di Joyce Carol Oates, se così non fosse rimedierò presto: sono semplicemente superbi_.

Oggi vorrei quindi parlare di *Paura della matematica* di Peter Cameron, ed. Adelphi. Terzo libro pubblicato in Italia, dopo l’esordio di *Quella sera dorata* e dell’ancora più bello _secondo me, anche se forse non ci saranno molte persone d’accordo, comunque mi è rimasto dentro_ *Un giorno questo dolore ti sarà utile*, *Paura della matematica* è una raccolta _appunto_ di 7 racconti, il primo scritto quest’anno, gli altri 6 più datati, del 1986.

Che dire? Dei piccoli capolavori. Non mi dilungo sulle trame, che non penso interessino né contino più di tanto. Le atmosfere, quelle sono fondamentali. Infatti, in molti di questi racconti non succede proprio nulla, non ci sono azioni, ma giornate normali, banali. E questo è il loro bello. La quotidianità e la semplicità dei temi descritti, l’atmosfera come rarefatta. E il bello arriva sui finali, che quasi sempre finiscono così, senza una conclusione, come rimanendo in bilico su un baratro.

Molto bella anche questa volta, come negli altri due volumi precedenti, la copertina scelta da Adelphi.

Bellissimi, tutti e 7 _il primo forse meno, il migliore Memorial Day, degno di menzione il finale di Compiti a casa.

Da leggere assolutamente.

*giuliaduepuntozero

Annunci

Festivaletteratura 12esima edizione

Anche quest’anno le strade di Mantova saranno inondate di libri, lettori, scrittori e tutto ciò che ruota alla parola scritta, detta, rappresentata.

L’appuntamento è da mercoledì 3 a domenica 7 settembre, il programma come sempre molto ricco per sfamare tutti i palati (anche quelli dei più piccini…) è uscito da qualche giorno e lo trovate qui. Le iscrizioni sono aperte dal 27 agosto per i soci Filofestival e dal 29 agosto per tutti.

L’anno scorso il Festival è stata anche un’occasione di incontro tra lettori del blog, per dare un volto a nomi e pensieri letti, e per discutere di libri a quattrocchi, magari davanti ad un caffè in una pausa tra un evento e l’altro. Ripetiamo l’esperienza anche quest’anno? Io ci sono!

Itinerario Izziano parte 9: Marsiglia

(Per leggere la tappa precedente clicca qui)

Vorrei chiudere questo itinerario sulle tracce di Izzo con le sue parole, tratte dal capitolo “Marsiglia tra luce e mare” di *Aglio, menta e basilico. Marsiglia, il noir e il Mediterraneo*, ed. e/o (l’articolo è molto bello ma molto lungo, quindi consiglio di acquistarlo per leggerlo interamente).

Per il momento al Vieux-Port , sulla terrazza della Samaritaine, ci beviamo fino all’ultimo minuto, spensieratamente come sempre, la splendida luce autunnale che piove dal cielo fin dalle cinque del pomeriggio. Non capirete niente di questa città se rimarrete indifferenti alla sua luce. […] Marsiglia è città di luce. E di vento. Il famoso mistral, che si infiltra in cima alle stradine e spazza via tutto fino al mare. Fino al largo di Pomègues e Ratonneau, le isole del Frioul. Fin dopo Planier, il faro oggi spento trasformato in una scuola di immersioni […] Marsiglia, a dire il vero, potete amarla solo così, arrivando dal mare. La mattina presto. All’ora in cui il sole, sorgendo dietro il massiccio di Marseilleveyre, bacia le colline e regala di nuovo un po’ di rosa alle vecchie pietre. Allora vedrete Marsiglia come la scoprì Protis il focese. […] Continua a leggere Itinerario Izziano parte 9: Marsiglia

Che libro starà leggendo?


foto da flickr, luiginter.
Ditemi che non vi è mai capitato di avvicinare una lettrice o un lettore in un parco, su un autobus, su una panchina in piazza, solo per capire che libro stesse leggendo. Vedere la copertina, la cosa migliore.

Quando invece non ci si riesce, si diventa goffi, si gira intorno, ci si piega. Se è possibile ci si mette dietro. Si scrutano le righe di quella pagina per carpire un nome, una frase, un dialogo: un segno che ci illumini.
Se scopriamo che il libro che lo sconosciuto legge appartiene alla nostra sfera di vita e di lettura, allora ci pare di scoprire un segreto di quel lettore, sembra che ci si apra una porta su un pezzo di anima. Sentiamo che qualcosa di discretamente importante ci accomuna.
Chi non è troppo timido accenna persino a un dialogo su quel libro. Che è anche un modo per mettere subito alla prova quella comunanza.
Ho due amiche completamente prese dal ciclo di romanzi gialli di Petra Delicado (di Alicia Giménez Bartlett, Sellerio) : son sicuro che inviterebbero una eventuale lettrice o lettore di uno di quei romanzi, incontrati per caso in metropolitana, a bere una birra e a discuterne (meglio se lettore uomo, ovviamente, anche perché pare che Petra sia terribile con gli uomini: quindi la motivazione di questa lettura sarebbe ancora più avvincente da capire): insomma un gruppo di lettura così costruito al volo e sciolto quasi subito (ma anche no).
Alberto Manguel nel suo Una Storia della lettura ci ricorda di come ancora anni dopo l’episodio, sentisse vicina una donna che un giorno in metropolitana a Toronto leggeva i racconti di Borges nell’edizione Penguin. Più vicina di tante persone che per anni ha visto e con cui ha parlato quotidianamente. (Da quanto ne scrive sembra di capire che con la lettrice lui non ci avesse parlato). Manguel ci dice anche dell’anziana lettrice fotografata da André Kertész. Chissà cosa legge? Se fosse un libro di preghiera (probabile) sarebbe solo una devota vecchina. Ma se leggesse, dice Manguel, Racine, Corneille o Voltaire o, ancor più strano, Cocteau?
Non apparirebbe qualcosa lontanissimo dalla “banale vecchietta” per diventare un personaggio capace di suscitare il nostro interesse? Una ribelle.
Una lettrice in un ospizio, 1929
Foto di André Kertész
Leggere un libro piuttosto che un altro può rendere interessante una persona che non avremmo mai notata senza libro o alla quale gireremmo alla larga se leggesse il libro “sbagliato”.
Insomma potrebbe essere anche un modo interessante di passare qualche ora delle vacanze: avvicinare lettori e lettrici nelle spiagge o in un parco o in un prato in montagna, o in un caffè durante una pausa nella visita di una città, per capire cosa leggono e magari persino scoprire le carte, le loro e le nostre

Itinerario Izziano parte 8: i ristoranti di Marsiglia

(Per leggere la tappa precedente clicca qui)

L’argomento “ristoranti” merita un articolo a parte. Fabio (Jean-Claude) è un amante della buona cucina e cita numerosi locali nei libri della trilogia (così come i bar che ho già ricordato man mano).
A proposito della cucina marsigliese, in *Aglio, menta e basilico* dice:

Marsiglia non è provenzale, non lo è mai stata. Nella maggior parte dei ristoranti, quindi, si mangiano cose semplici e a prezzi onesti, piatti senza artifici legati non a una tradizione ma a una tenace fedeltà alle origini. Qualcuno l’ha già detto: la cucina qui non si innova, non “si mescola”, perpetua. Mangiare ti riporta al tuo paese. Mettersi a tavola, in casa come al ristorante, in famiglia, tra amici, vuol dire far rivivere la memoria, i ricordi. (Aglio, menta e basilico, p. 46)

In questo stesso capitolo (“Mi piace sentire Marsiglia vibrarmi sotto la lingua”) si dilunga anche in ricette e piatti tipici che si possono gustare a Marsiglia.
Dove?
Continua a leggere Itinerario Izziano parte 8: i ristoranti di Marsiglia

Itinerario Izziano parte 7: la Canabiere, cours Julien, la Plaine

(Per leggere la tappa precedente clicca qui)

Una visita interessante è quella al mercato di rue Longue-des-Capucins, vicino alla Canabière, dove non sembra di essere in Francia, ma in un profumatissimo suq nordafricano. Consiglio l’acquisto delle foglie essiccate di verbena, per preparare tisane per la sera, e di olive e uvetta.

Sono stato cresciuto così, nella tradizione di andare al mercato. Tutti i giorni. Marsiglia aveva tanti mercati quanti erano i quartieri, le piazze e le piazzette. Noi a quel tempo abitavamo accanto a una delle strade più popolari della città. Il mercato di rue Longue-des-Capucins non era un mercato provenzale, ma mediterraneo. Dove il più piccolo cetriolo assaporava già il piacere di essere preparato secondo il gusto orientale o alla latina. Frutta e verdura, ma anche erbe e spezie. La varietà dei colori faceva a gara con le molteplicità degli odori. Mescolandosi alle grida, alle risate. (Aglio, menta e basilico, p. 57)

Erano in rue Longue-des-Capucins. “La via del mercato d’Oriente”, come le piaceva dire. Tutti gi odori del Maghreb, dell’Africa e dell’Asia vi si mischiavano. Inebrianti come la felicità. Le felicità possibili. (Il sole dei morenti, p. 39)

Abdul Aziz risalì in parte la Canabière, attraversò cours Saint-Louis, imboccò rue des Feuillants per arrivare poi nella stretta Rue Longue-des-Capucins. Da lì si tuffò nella folla colorata e compatta che faceva la spesa al mercato. I banchetti profumavano di tutti gli aromi del mondo. Barcellona e Shangai, Roma e Bombay, Algeri e Valparaiso. (Marinai perduti, p. 79)

Proseguendo per cours Julien si incontra prima rue d’Aubagne:
Continua a leggere Itinerario Izziano parte 7: la Canabiere, cours Julien, la Plaine

Itinerario Izziano parte 6: le Isole d’If e di Frioul

(Per leggere la tappa precedente clicca qui)

L’itinerario continua con un giro in battello.
L’imbarcadero si trova al Vieux Port, sul lato dove c’è il bar de la Samaritaine, e si può acquistare un biglietto solo per l’isola d’If o che comprenda anche le isole di Frioul. Noi siamo scesi solo nella prima, ritornando a Marsiglia il battello fa comunque tappa anche alle isole Frioul, dove noi non siamo scesi.
L’Ile d’If è ovviamente famosa per il suo chateau _castello_ e per il *Conte di Montecristo* di Dumas che qui è in parte ambientato.

Chateau d’If, originally uploaded by halighalie.

Sull’isola c’è praticamente solo il castello con una piccola esposizione, e le celle dove sono stati rinchiusi Edmond Dantès, l’abate Faria e altri celebri personaggi. Dalle torri c’è una bella vista di Marsiglia.
Continua a leggere Itinerario Izziano parte 6: le Isole d’If e di Frioul