Marco Lodoli, Sorella

E’ stata una piacevole scoperta la lettura dell’ultimo romanzo di Marco Lodoli, SORELLA. Non avevo mai letto nulla di questo scrittore se non qualche articolo su REPUBBLICA o su IL DIARIO.

Protagonista una suora, già curiosa per il nome che porta, Suor Amaranta, che in prima persona sin dalle prime pagine ci racconta che “invecchia nella sfiducia, nel sospetto di stare dentro una storia bugiarda”, con dentro “un vuoto tremendo”, mentre intorno a lei le altre sorelle “sembrano indaffarate e felici”

La sua non è una monacazione forzata ,come l’avrebbero raccontata Manzoni o Diderot, anzi in casa avevano tentato di dissuaderla, quando a sedici anni aveva manifestato il desiderio di farsi suora, perchè aveva capito che il mondo non era fatto per lei

La mia strada non sarà mai nella vita , che la vivano gli altri la vita, se ci tengono tanto, che si scontrino e si moltiplichino…che facciano tutto il rumore che serve a farsi notare…io voglio avere il viso pallido delle suore, la loro grazia mansueta, grani freddi tra le dita”

E così eccola lì in un convento, a Roma…a guardare dalla finestra, mentre tutti gli altri corrono a fare soldi.

La madre aveva tentato di dirle che Dio non esiste ” non esiste altro che questa roba qui, mangiare, bere, fare l’amore, fare figli, fare soldi, stare con gli amici, dormire, sentire la musica, dimenticare in fretta”

La incontriamo invece a 36 anni. “nè felice nè infelice..disordinata e inutile come il mondo” costretta dalla madre superiora a diventare maestra d’asilo di tredici bambini, anche se Amaranta non ama i bambini che sono ancora ” vita non domata”. Interessante questa visione drammatica dell’infanzia, di bambini che, a differenza di lei, “vogliono,vogliono”. E così i bambini:

non sono la più grande gioia dell’esistenza..il mondo mente, non ha il coraggio di ammettere che ogni bambino precipitato qui con il suo fiocco celeste o rosa è altro tempo destinato a consumarsi vanamente”

Giorni difficili ,finchè non compare Luca, un bambino di cinque anni… diverso, con una strana adozione…quasi autistico, chiuso nei suoi silenzi.

E suor Amaranta è lì tra i bambini con i suoi pensieri:

Temo che ci siamo inventati tutto per la paura della morte. nel mondo ci sono diecimila religioni e ognuna crede di essere la verità, ma l’unica verità è che siamo carne buttata in un pascolo, nell’attesa di essere macellata. Siamo bestie poetiche, questo sì, abbiamo una fantasia inarrestabile, diamo voce agli alberi, ai pesci, ai defunti, al cielo, perchè il silenzio ci atterisce.

Una suora..a rovescio, a cui Dio non parla

Potevo essere tante cose, tante persone diverse, una madre, un’impiegata, una donna su un palcoscenico, una suicida, una seduttrice e invece sono quello che sono..una suora in una stanza del mondo…sempre inadatta da quando sono nata, sempre a cercare di nascondermi in un armadio

E poi l’incontro con “il bambino speciale”, con cui nasce una complicità fatta di silenzi, ma basteranno tre parole di Luca, perchè Amaranta faccia propri comportamenti del tutto inaspettati, perchè sia costretta a vivere quella vita che ha sempre rifiutato: tre avventure, per arrivare ad un finale a sorpresa, che magari mi sarebbe piaciuto… diverso… e che lascio scoprire agli eventuali lettori.

Una storia insolita non banale, raccontata con una scrittura agile, piacevole, intensa, che si fa leggere in poche ore… anche in un caldo pomeriggio d’estate!

MARCO LODOLI, SORELLA, EINAUDI, 2008, pp. 101

Annunci

3 pensieri riguardo “Marco Lodoli, Sorella”

  1. si l’ho letto, non è che sia male, in confronto a certe cose che ormai si trovano in tutte librerie, cose che nessuno butta nell’immondizia, che ci si adatta a esporle, vederle esposte, a darci un’occhiata, sentire un conato di vomito venir su e ritirarlo in basso, mettendo a posto la cosa. Questo in confronto si può anche chiamare libro, all’inizio è anche accettabile, fino a che non arriva il maghetto, non ben identifcato, che fa fare alla suora alcune stupidate, Mah! non ho neppure capito come facesse ad uscire e entrare a piacimento giorno e notte dal convento. Il finale è poi l’apoteosi della perdita di controllo, senza una ragione, giusto per aver fatto delle stupidate, mah!

    Mi piace

  2. L’ho letto, come tutti i suoi libri del resto.
    E mi è piaciuto. Molto.
    A volte non è il “cosa”, ma il “come” e io di Lodoli adoro soprattutto il “come”.
    Le sue parole fluiscono limpide, profonde, bizzarre e surreali… fluiscono sempre, come fili di perle.
    Mi permetto di consigliare a chi passa di qui “Il vento”… una roba assolutamente geniale… e non aggiungo altro perchè ogni parola stonerebbe con la poesia assurda e l’incanto barbaro e sublime di quelle pagine…

    Buona lettura!

    Miriam

    P.S. carissimo sig. Marco, se lei passa di qui le porgo i miei più cari saluti: ci siamo incontrati quest’anno al salone del libro di Torino… le ho fatto un po’ di complimenti e mi son fatta autografare “Sorella”! A presto!

    Mi piace

  3. Ciao a tutti.
    Volevo avvisarvi che Sorella verrà presentato giovedì 2 ottobre ore 18 a Roma, alla Libreria Rinascita 2000 Ponte Milvio. Sarà presente Marco Lodoli. Letture di Donatella Ferrara.

    Libreria Rinascita 2000 Ponte Milvio
    Galleria Mercato Ponte Milvio
    Via Riano 15, Roma
    tel. 0697611631
    libreriapontemilvio@tiscali.it

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...