Jack Torrance: il libro che (non) visse più volte

“Il mattino ha l’oro in bocca”.
Per qualcuno questa frase richiama un proverbio popolare, che ha anche una variante in “Le ore del mattino hanno l’oro in bocca”.
A molti altri però fa subito venire in mente Shining, il film di Kubrick tratto dal romanzo di Stephen King.

Il protagonista, Jack Torrence, è uno scrittore che accetta un lavoro stagionale come guardiano di un albergo isolato e chiuso d’inverno, con l’idea di approfittarne per scrivere un romanzo. Le cose però non vanno per il verso giusto: Jack va fuori di testa e cerca di massacrare moglie e figlio.

Nel film c’è una scena popolarissima nella quale si rivela il delirio di Torrance: la moglie scopre che il libro che il marito sta scrivendo da mesi riporta una sola frase battuta a macchina all’infinito. Questa frase nella versione italiana è appunto “il mattino ha l’oro in bocca“, mentre nella versione in lingua inglese è “all work and no play makes Jack a dull boy“.

Qualcuno ha avuto l’idea geniale di dare alla luce quel libro.

Su Blurb – un sito dove è possibile creare e pubblicare libri senza passare per le case editrici – da qualche tempo ha fatto la sua comparsa proprio il romanzo di Torrance, e il fatto che sia stato caricato in due versioni con copertina differente lascia immaginare che il gadget abbia riscosso un certo successo. Phil Buehler ha replicato le pagine del libro esattamente come compaiono nel film, con l’impaginazione schizoide che rivela il progressivo avvicinarsi alla follia pura.

La notizia è stata ripresa da un buon numero di testate internazionali che hanno lodato Buehler per l’originalità dell’idea.

Grattando un po’ sotto la superficie si scopre però che l’idea non è affatto originale: il primo a realizzarla è stato un italiano per WilloWorld, distribuendo il “libro impossibile” via Lulu.com.

Coincidenza? Forse. La fortuna sembra essere stata più vicina alla versione di Buehler.

C’è da dire che quest’ultimo è stato un po’ più creativo nella creazione del libro: la tipografia ripresa dal libro, e la presentazione generale del testo come fosse autentico, intrecciando finzione e realtà (platealmente irreale), o finzione nella finzione, ha dato luce a un mix di discreto fascino.

Annunci

4 pensieri su “Jack Torrance: il libro che (non) visse più volte”

  1. Il nostro é un lavoro piú concettuale, perché vi é una prefazione che parla del futuro dell’editoria e dell’autocelebrazione dell’opera scritta… quello di Phil sembra piú un gadget, ben fatto a livello estetico, ma non certo orginale. Bastava che lui andasse su google, come abbiamo fatto noi prima di iniziare il progetto, e si sarebbe accorto che qualcuno lo aveva giá fatto prima di lui (o forse ci é andato e ci ha copiato l’idea:)))
    Il nostro lavoro inoltre abbraccia la filosofia del Creative Commons, e non ci sono costi aggiuntivi alla stampa, mentre Phil ci sta facendo i soldi (3 dollari a pezzo per lui!) Non molto etico, l’artista americano…:)

    Comunque grazie per averci menzionato.

    Mi piace

  2. @willoworld, per questo ci tenevo a sottolineare la vostra intraprendenza, però permettimi: Buehler se l’è venduto meglio. Il libro è chiaramente un gadget appetibile per i fan di Kubrick o più in generale di Shining. Se dovessi regalarlo a qualcuno probabilmente sceglierei il suo, perché la composizione delle pagine riprende quella dei film, e perché fondamentalmente a un fan potrebbe interessare avere “il libro che esce dal film” più che mettersi a riflettere sul CC o il futuro dell’editoria. Senza nulla togliere al vostro progetto, che è assolutamente interessante e condivisibile in quel che scrivete in prefazione. Però, non so come dire: il vostro progetto ha una finezza intellettuale, è una provocazione e paradossalmente proprio per questo motivo arriva a un bacino minore di persone, mentre la versione Buehler è un gadget nudo, crudo e ben assemblato.
    Obiettivi diversi, tutto qui.

    Mi piace

  3. Hai centrato il punto: obbiettivi diversi. Infatti il nostro non é quello di vendere.
    Ma se Phil si autodefinisce un artista, il suo comportamento non mi sembra molto convincente… e ripeto, bastava andasse su google prima di mettersi a spippolare sulla tastiera la mitica frase, si sarebbe accorto che c’era giá il nostro di libro, e con tutta probabilitá avrebbe lasciato perdere il progetto.
    Comunque va benissimo cosí… indirettamente il nostro progetto sta attirando l’attenzione, e questo ci fa piacere… grazie anche a te!

    Ciao.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...