Philip Roth, due nuovi libri

Philip Roth - foto: Nancy Cropton, NyTimes
Philip Roth - foto: Nancy Cropton, NyTimes

Arrivano  due nuovi romanzi di Philip Roth.
The Humbling uscirà il prossimo autunno e racconta la storia di un anziano attore la cui vita viene cambiata da un sorprendente desiderio erotico.
L’altro si chiamerà Nemesis: la storia è ambientata nell’estate del 1944 e riguarda un’epidemia di poliomelite e dei suoi effetti sulla comunità di Newark. Nemesis uscirà nel 2010. I due nuovi libri saranno il 30esimo e il 31esimo di Philip Roth. (New York Times)

Philip è grande, indubbiamente, ma i suoi ritmi di scrittura non sono un po’ troppo intensi? Non è che stia un po’ annacquando l’ispirazione, troppo sfruttata?

Rallenterà solo quando arriverà (speriamo che arrivi) il Nobel?

Annunci

5 pensieri riguardo “Philip Roth, due nuovi libri”

  1. Voglia di Nobel o grande voglia di Vivere?
    Sarà un modo per esorcizzare la paura della morte ?
    In effetti, se penso a Philip Roth, lo vedo , come autore, distinto in due periodi ben delineati anche se c’ è un filo conduttore che rimane sempre lo stesso : il sesso o l’ossessione erotica e il corpo col suo declino , insomma eros e thanatos. Ultimamente, poi, l’attenzione a questi temi è diventata ancora più spasmodica e compulsa , una vera e propria fotografia del corpo che si disfa e del sesso come organo più o meno funzionante. L’ispirazione sarà un po’ annacquata ma le capacità di scrittore no….
    “Everyman”, per es. , con la sua storia minima ed universale nel contempo, mi era piaciuto sebbene sia un libro senza speranza,come un buco nerissimo , e sono pronta a leggere tutto quello che scriverà…e speriamo che questo Nobel arrivi!

    Mi piace

  2. sono d’accordo con Silvana, esorcizzare la morte che si avvicina velocemente e fa scrivere più velocemente e sia chiaro i suoi ultimi sono intrisi di ultimi desideri sesso e morte, in primis Everyman e L’animale Morente, magari tutti avessero la sua urgenza, piùmorenti

    Mi piace

  3. Non potrei dire:è il migliore.Sarebbe assurdo!
    Ma è un grandissimo scrittore,e più libri leggo,di lui,più capisco “what it’s all about”!

    Mi piace

  4. penso che sia giusto lasciar scorrere inchiostro per un settantenne carico di vita e di informazioni visto che ha un modo di scrivere inconfondibile e per grandi palati. ciao e forza roth

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...