Chi scriverà la nostra storia? L’archivio di Ringelblum nel Ghetto di Varsavia

Una lettera da Szlamek con i dettagli della vita nel campo di Belzec, inviata a Hersz Wasser, aprile 1942
Una lettera da Szlamek con i dettagli della vita nel campo di Belzec, inviata a Hersz Wasser, aprile 1942

Emanuel Ringelblum è il personaggio centrale di Who Will Write Our History (Penguin), un libro dello storico americano Samuel Kassow che ricostruisce la storia di “Oneg Shabbat”, il gruppo di ebrei che raccolse decine di migliaia di lettere, fogli di diario, fotografie, poesie, disegni, canzoni per  documentare la vita degli ebrei polacchi durante l’occupazione nazista.

L’archivio si salvò dalla distruzione del ghetto di Varsavia

Emanuel Ringelblum
Emanuel Ringelblum

perché i documenti (ne sono rimasti solo 35mila) furono nascosti in bottiglie per il latte e scatole di latta. E  l’unico sopravvissuto del gruppo “Oneg Shabbat” contribuì al ritrovamento, dopo la guerra, la preziosa raccolta.

Le scatole di latta e i contenitori del latte dove vennero nascosti i documenti
Le scatole di latta e i contenitori del latte dove vennero nascosti i documenti

Emanuel Ringelblum avviò la raccolta dei documenti, organizzò l’archivio, aggiunse decine e decine di note personali sulla vita nel ghettto e venne infine ucciso a Varsavia nel 1944.

Who Will Write Our History ricostruisce la straordinaria storia di questo archivio, dell’uomo che lo volle a tutti i costi: perché credeva nella forza della parola, per non lasciare che la storia di milioni di bambini, donne e uomini fosse scritta dai carnefici.

Sul libro di Kassow, una recensione dell’Economist.

Annunci

2 pensieri su “Chi scriverà la nostra storia? L’archivio di Ringelblum nel Ghetto di Varsavia”

  1. Un saggio di Alberto Nirenstajn, edito nel 1958 da Einaudi,”Ricorda cosa ti ha fatto Amalek”, riporta alcune pagine dagli appunti di Ringelblum. Sono scene di vita , il precipitare della quotidianità da dramma in tragedia, sono storielle in cui il proverbiale umorismo aiuta a resistere, sono la cronistoria di provvedimenti “amministrativi” puntuali ed inesorabili nel costruire l’annientamento di persone. Molto interessanti e scritti con stile contenuto, sotto le righe.

    Mi piace

  2. “Sepolti a Varsavia” edito agli inizi di quest’anno dall’editore Castelvecchi, raccoglie i principali appunti di Emmanuel Ringelblum sull’annientamento giorno per giorno degli ebrei di Varsavia. C’è qualcuno che afferma il “riduzionismo” e addirittura il “negazionismo”: porti delle prove contrarie alle cronache di Rigalblum, se ne è capace. Se no stia zitto e per sempre.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...