I miei primi quaranta libri (di Nick Hornby)

Può capitare ovunque: a una cena, al pub, mentre si aspetta l’autobus, in classe o in una libreria. Cominci a parlare con qualcuno che non conosci e tutto procede bene. Poi a un tratto, senza preavviso, senti quelle quattro parole. E allora sai che quel rapporto non andrà oltre il tempo necessario per dire: “Penso che ti piacerà”.

Inizia così l’articolo di Nick Hornby sull’ultimo numero di Internazionale, in edicola da venerdì scorso (10-16 aprile, numero 790), scritto per The Times, in cui lo scrittore inglese racconta di quando le librerie Waterstone’s gli hanno chiesto di stilare una lista di quaranta libri per il Writer’s Table.

Non è facile consigliare un libro, dice Hornby:

Ogni tanto incontro qualcuno capace di darmi consigli ragionevoli e azzeccati nei primi cinque anni della nostra conoscenza. In generale, però, do ascolto solo a persone che conosco da una ventina d’anni, di cui molti passati a discutere di cose che amiamo e odiamo.
Tutti – in particolar modo i critici – vogliono far credere che il fattore più importante nel giudicare un libro è la sua qualità oggettiva (“Un buon libro è un buon libro”). Ma noi sappiamo che non è vero. Il gusto e lo stato d’animo sono importanti, certo, ma gusto e stato d’animo sono determinati da cose come bagaglio culturale, professione, salute, disponibilità di tempo libero, stato civile, situazione matrimoniale, genere, età, età dei figli, rapporti con figli e genitori, parenti e, magari, una brutta esperienza con V di Thomas Pynchon quando eravamo ancora degli adolescenti arroganti e troppo ambiziosi.

Non è facile, insomma. Però Nick Hornby ci prova, e ne tira fuori quaranta. Molti penso che non siano stati tradotti e pubblicati in Italia, non ancora. Molti sì. Fra tutti i quaranta che ha messo, ne ho letti solo due, stupendi, condivido la sua scelta: *Un complicato atto d’amore* di Miriam Toews, edito da Adelphi, e *Fun Home* di Alison Bechdel, edito da Rizzoli.

Bell’articolo, vi consiglio di comprare Internazionale per scorrere tutta la lista dei consigli di Hornby. E poi questo articolo apre tanti spunti di discussione, che magari approfondiremo in un prossimo futuro.

Per il momento vi lancio solo questa palla: quali sono i vostri 40 libri che mi/ci consigliereste di leggere? Quaranta sono tanti, o forse sono pochi. Come scrive ancora Hornby:

Se grazie ai miei suggerimenti qualcuno partirà per un viaggio (di lettura) che normalmente non avrebbe fatto, e se questo viaggio lo porterà a quella specie di beato, divorante coinvolgimento che tutti abbiamo provato all’inizio della nostra vita di lettori, allora sarò contento.

Ecco, mi piacerebbe partire per un viaggio…

*giuliaduepuntozero

Annunci

44 pensieri riguardo “I miei primi quaranta libri (di Nick Hornby)”

  1. intanto avevo letto golosamente anch’io l’articolo e avevo segnato quelli letti e sono anch’io d’accordo con Hornby. Sono Skelling di Almond, Ladra di Sarah Waters, La morte non dimentica di Lehan, Fun home, Ristorante nostalgia di Anne Tyler (la mia autrice-mito come per hornby) e Il declino dell’impero Whiting che vi consiglio assolutamente. Non riesco a resistere dal consigliare!!!! Poi naturalmente oggi sono andata in biblioteca a cercarne altri dell’elenco che mi ispiravano e ho cominciato a fare il mio elenco. Pensavo fosse un’impresa ardua invece ho già quasi finito. La mando al più presto, ora devo scappare. Grazie giuliaduepuntozero!

    Mi piace

  2. Sbirciando in un sito ( di quelli terribili “sto traducendo dall’inglese”…) credo che, fra i suoi 40, Hornby abbia messo anche un libro di Ali Smith “Voci fuori campo” (The accidental) che mi aveva intrigato parecchio. Nella trama niente di nuovo ma il linguaggio dalle molte forme e destrutturato che accompagna con le sue invenzioni il disfacimento di una famiglia apparentemente normale mi era piaciuto, anche se la storia mi aveva lasciato un po’ di retrogusto amaro e la solita domanda “cosa avrà voluto dire?”.
    Consigliare libri, invece, è al di sopra delle mie possibilità, anche se amo molto i consigli che si danno in questo blog!

    Mi piace

  3. Non è stato facile, ma sono riuscita, anche se con qualche dubbio, a selezionare i miei 40. Uniche regole: solo un titolo per autore, nessun libro che ho letto da bambina. L’ordine è casuale:

    1. Joyce Carol Oates, Una famiglia americana
    2. Jeffrey Eugenides, Le vergini suicide
    3. Alison Bechdel, Fun Home
    4. Marisha Pessl, Teoria e pratica di ogni cosa
    5. Peter Cameron, Quella sera dorata
    6. Miriam Toews, Un complicato atto d’amore
    7. Jonathan Franzen, Le correzioni
    8. Michael Cunningham, Carne e sangue
    9. Alice Sebold, Amabili resti
    10. James Ellroy, American Tabloid
    11. Truman Capote, A sangue freddo
    12. Harper Lee, Il buio oltre la siepe
    13. Joe Lansdale, La sottile linea scura
    14. John Steinbeck, Il giardino dell’Eden
    15. Don De Lillo, Rumore bianco
    16. Chaim Potok, Danny l’eletto
    17. W. Somerset Maugham, Schiavo d’amore
    18. Walter Scott, Ivanhoe
    19. Jane Austen, Orgoglio e pregiudizio
    20. J.K. Rowling, Harry Potter e il principe mezzo sangue
    21. Alexandre Dumas, Il conte di Montecristo
    22. Georges Simenon, Luci nella notte
    23. Jean-Claude Izzo, Solea
    24. Henning Mankell, La falsa pista
    25. Stieg Larsson, La ragazza che giocava con il fuoco
    26. Bjorn Larsson, La vera storia del pirata Long John Silver
    27. Johan Harstad, Che ne è stato di te, Buzz Aldrin?
    28. Andrea De Carlo, Due di due
    29. Oriana Fallaci, Un uomo
    30. Giorgio Bassani, Il giardino dei Finzi Contini
    31. Alessandro Manzoni, I promessi sposi
    32. Gianni Farinetti, L’isola che brucia
    33. Alessandro Baricco, I barbari
    34. Hugo Pratt, La ballata del mare salato
    35. Thoman Mann, I Buddenbrook
    36. Michael Bulgakov, Il maestro e Margherita
    37. Haruki Murakami, Tokyo blues
    38. Azar Nafisi, Leggere Lolita a Teheran
    39. Isabel Allende, D’amore e ombra
    40. Jorge Amado, Gabriella garofano e cannella

    *giuliaduepuntozero

    Mi piace

  4. ciao, mi è stato difficile limitare a quaranta la lista di libri, però ci ho provato, ho escluso i gialli perché sono troppi, e adesso me ne vengono in mente altri che purtroppo staranno fuori

    1.V.Woolf -La signora Dalloway
    2.V.Woolf-Orlando
    3.M.Yourcenar-Memorie di Adriano
    4.G.G.Marquez-Cent’anni di solitudine
    5.T.Ben Jelloun-Creatura di sabbia
    6.V.Pratolini-Cronache di poveri amanti
    7.G.Bassani-Gli occhiali d’oro
    8.L.Sciascia-Il giorno della civetta
    9.E.M.Forster-Maurice
    10.A.Gide-I falsari
    11.T.Mann-I Buddenbrook
    12.M.Proust-Alla ricerca del tempo perduto
    13.A.Ghosh-Mare di papaveri
    14.S.Selvadurai-Funny boy
    15.A-M.Mac Donald-Chiedi perdono
    16.J.Saramago-Manuale di pittura e calligrafia
    17.O.Pamuk-Il mio nome è rosso
    18.A.Proulx-Avviso ai naviganti
    19.A.Nair-Cuccette per signora
    20.M.G.Mazzucco-Il bacio della medusa
    21.A.Munro-Il sogno di mia madre
    22.J.Barfoot-Vi amavo, giuro che vi amavo
    23.I.Compton-Burnett-Il buio e la luce
    24.M.French-Donne
    25.F.Pessoa-Il libro dell’inquietudine
    26.A.Oz-Una storia di amore e di tenebra
    27.A.France-Il delitto di Sylvestre Bonnard
    28.E.Hoffman-Come si dice
    29.A.Nafisi-Leggere Lolita a Teheran
    30.J.Austen-Persuasione
    31.S.Bedford-Il retaggio
    32.E.Von Arnim-Un incantevole aprile
    33.M.Jarre-Ascanio e Margherita
    34.L.Mancinelli-Andante con tenerezza
    35.M.Atwood-L’altra Grace
    36.M.Cunningham-Le ore
    37.V.Sackville-West-Ogni passione spenta
    38.P.Abraham-La ragazza che leggeva romanzi d’amore
    39.S.Agnello-Hornby-La zia marchesa
    40.V.Canetti-Le tartarughe

    Mi piace

  5. una precisazione, ho scoperto che il libro della Barfoot è stato riedito sempre da Tranchida con il titolo Storia di Abra, la mia edizione è molto vecchia

    Mi piace

  6. Nadie…che bello “Un incantevole aprile”! mi era piaciuto molto. Hai letto per caso “I cani della mia vita” della Von Arnim ?
    Ciao.

    Mi piace

  7. Confronto fra le nostre liste: uguali abbiamo messo I Buddenbrook, Chiedi perdono (nella mia nuova versione della lista) e Leggere Lolita a Teheran.
    Poi abbiamo messi un po’ di autori uguali, ma con titoli diversi.
    Però proprio difficile… a dire il vero, sono partita sparata, ne ho trovati una ventina, e non riuscivo più ad andare avanti, avevo finito le prime scelte. Poi mi sono lanciata sulle secondo scelte, e lì via, ne avrei messi altri 40…
    Come scrivevo, per alcuni autori mi sono data il limite di citarne solo uno (mi sembra che Hornby non abbia seguito questa regola, se non ricordo male), se no non avrei più finito. E anche sui gialli mi sono contenuta, dovrei fare una lista a parte…
    Però mi piace questo gioco!!!

    Altre liste?

    *giuliaduepuntozero

    Mi piace

  8. ciao, ho letto tutti i libri della Von Arnim e, a parte un paio, gli altri mi sono piaciuti molto, anche i Cani della mia vita, Cristoforo e Colombo, La memorabile vacanza del barone Otto, però Un’incantevole aprile è quello che mi ha emozionato in modo particolare, forse perché è stato il primo che ho letto di questa autrice.
    Io, ad esempio ho lasciato fuori la Smith, che a me piace molto, poi molte letture di qualche anno fa che mi avevano dato tante emozioni oppure alcuni reportages di viaggio, perché non sono proprio romanzi.
    Mi era venuta in mente la possibilità di fare una lista di gialli, noir che ci hanno colpito di più, però non so se possa interessare

    Mi piace

  9. basta ripensamenti! quante incertezze mi avete messo…
    sembrava difficile e invece ne avrei trovati 80!
    Morley, Il parnaso ambulante
    Abraham, La lettrice di romanzi d’amore
    Schlink, A voce alta
    Wolfe, Un uomo vero
    Badami, Le donne di Panjaur
    Donnelly, Una voce dal lago
    Shaffer, La società letteraria di Guersney
    Cooley, L’archivista
    Celine, Viaggio al termine della notte
    Vonnegut, Mattatoio n. 5
    Sidwa, Il talento dei parsi
    Seth, Il ragazzo giusto
    Fredriksson, Simon
    Singer, La famiglia Moskat
    Oz, Una storia d’amore e di tenebre
    Tyler, Per puro caso
    O’Connor, La fine della strada
    Ammaniti, Ti prendo e ti porto via
    Collins, La donna in bianco
    McLiam Wilson, Eureka Street
    Amy Tan, La figlia dell’aggiustaossa
    Di Natale, Kuraj
    Montesano, Di questa vita menzognera
    Romagnoli, L’artista
    Larsson, La vera storia del pirata Long John Silver
    Proulx, Avviso ai naviganti
    Kureishi, Nell’intimità
    Atwood, L’assassino cieco
    Goldenberg, La parte
    McDonald, Chiedi perdono
    Berck, L’amore di un’estate
    Lively, Tre vite
    Minervuddotir, Il circo dell’arte e del dolore
    Ulickaja, Sonja
    Goldman, La principessa sposa
    Waugh, Occhi di bottone
    Dahl, Boy
    Murail, Oh, boy!
    Mankell, La falsa pista
    Pontiggia, Nati due volte

    Mi piace

  10. ancora io. si potrebbe fare una panchina?
    perché allora metterei tutto simenon (non chiedetemi di scegliere), lo stesso per somerset maugham e.. sapete cosa faccio? mi iscrivo con un altro nome e mando un’altra lista!

    Mi piace

  11. Grazie , Nadie…ho perso da poco un cane che amavo molto e , contemporaneamente, ho incontrato per caso “I cani della mia vita “su una bancarella, tra le solite copie di Siddharta e della Smorfia napoletana. Poco meno di 200 pagine che mi hanno coinvolta, con molto spasso , non solo a leggere di amicizie canine ma anche a conoscere, biograficamente, questa autrice. Un incantevole aprile è davvero notevole!

    Siete state bravissime a fare la booklist ( quante letture in comune con tutte voi…) ma io ho avuto problemi già nello sceglierne uno dell’ amatissimo Dostoevskij.
    La lista dei gialli e noir mi sembra intrigante, come molto intrigante è questo “gioco”. Un altro modo di Leggere i lettori.

    Mi piace

  12. Eccomi, sto lavorando di matita e gomma per stilare la lista.
    Volevo solo dire, però, che una lista così lunga, non me ne voglia Hornby, rischia di essre effimera, volatile, contingente (il che nn è detto che sia un male: le convinzioni eterne mi spaventano un po’, in effetti, anche relative ai libri).

    Intendo dire: se sono 5 i libri della vita, o anche 10, è probabile che siano tutti libri veramente irrinunciabili. Quando devo metterne in fila 40, forse c’è qualcosa che così irrinunciabile non è. Almeno ho questa impressione. Insomma rischia di annacquarsi l’intensità delle scelte. Non trovate?

    Comunque, a presto con la lista, promesso!
    🙂

    ciao a tutti

    Mi piace

  13. ciao, per me sono pochi quaranta, insomma non riuscirei mai a dire mi porto via questo e lascio gli altri, ma ci pensate? Gli altri soli soletti,anzi io sola soletta senza la loro compagnia, penso che questi quaranta, più quelli omessi, ma che hanno dato molte emozioni siano i libri che rileggerei volentieri, in un ipotetico futuro con tre metri di neve impossibilitata a uscire per andare in libreria.

    Mi piace

  14. Ciao Luiginter,
    sono d’accordo con te, 40 sono tanti. Infatti anche io scrivevo che i primi 20 li ho trovati facili, poi per gli altri sono dovuta andare a guardare fra i miei libri per farmeli venire in mente.
    E’ tutto molto soggettivo.

    Sempre a proposito dei 40 libri di Hornby, ieri il mio ragazzo è andato a Londra ed è andato in una libreria Waterstone, avevano predisposto un banchetto con i libri della lista di Hornby! Mi ha preso *Dinner at the homesick restaurant* di Anne Tyler.
    Qualcuno l’ha letto? Penso si chiami *Ristorante nostalgia* nella traduzione italiana.

    Luiginter aspettiamo comunque tua lista!

    *giuliaduepuntozero

    Mi piace

  15. “Ristorante nostalgia” – si, l’ho letto e mi è piaciuto molto, come quasi tutti i libri di Anne Tyler (i miei preferiti sono “Per puro caso” e “Lezioni di respiro”).
    Fammi sapere cosa pensi del libro quando l’avrai letto 😉

    Mi piace

  16. Ecco i miei, è stato anche per me un lavoro di esclusione per stare nei 40. Ripeto però la mia impressione: se rifacciamo il gioco l’anno prossimo almeno 10 cambiano, credo ;).
    Ma è giusto che sia così, credo…
    Ho _quasi_ rispettato le regole di un solo libro per autore

    1 – Cechov, I racconti
    2 – Cervantes, Don Chisciotte
    3 – Faulkner, L’urlo e il furore
    4 – Faulkner, Luce d’agosto
    5 – Meneghello, Libera nos a Malo
    6 – Roth, Pastorale americana
    7 – V. Grossman, Vita e destino
    8 – Sebald, Austerlitz
    9 – Grubb, La morte corre sul fiume
    10 – Pirsig, Lo zen e l’arte della manutenzione della motocicletta
    11 – Vargas LLosa, La guerra della fine del mondo
    12 – Carver, I racconti
    13 – Hemingway, I racconti
    14 – F. O’Connor, Tutti i racconti
    15 – Malamud. Racconti
    16 – Coloane, Terra del fuoco
    17 – Marquez, Cent’anni di solitudine
    18 – Rushdie, I figli della mezzanotte
    19 – Ghosh, Le linee d’ombra
    20 – Steinbeck, Furore
    20 – Hasek, Il buon soldato Sc’vèik
    21 – Dostoevskij, Delitto e castigo
    22 – Holiday Hall, La fine è nota
    22 – Bulgakov, Il Maestro e Margherita
    23 – Tolstoj, Guerra e pace
    24 – P. Levi, Se questo è un uomo
    25 – Mann, La montagna incantata
    26 – Díaz, La breve favolosa vita di Oscar Wao
    27 – West, Il giorno della locusta
    28 – Sciascia, Il giorno della civetta
    29 – C. Levi, L’orologio
    29 – Kafka, Il Processo
    30 – Svevo, La coscienza di Zeno
    31 – Bianciardi, La vita agra
    32 – McCarthy, Cavalli selvaggi
    33 – Remarque, Niente di nuovo sul fronte occidentale
    34 – Yourcenar, L’opera al nero
    35 – Mailer, Il nudo e il morto
    36 – Richler, La versione di Barney
    37 – Capote, A sangue freddo
    38 – Fruttero e Lucentini, La donna della domenica
    39 – Manzoni, I promessi sposi
    40 – Nievo, Le confessioni di un italiano

    Mi piace

  17. sono d’accordo! anche a me all’inizio sembrava un numero enorme poi dopo che ho cominciato la scelta è stata dura, tanto che ne avrei quasi altrettanti.

    Mi piace

  18. Ecco la lista dei 40 libri che più mi hanno emozionato.

    Allende, Isabel La casa degli spiriti
    Angela, Piero e Alberto La meravigliosa storia della vita
    Bassani, Giorgio Il giardino dei Finzi-Contini
    Baum, Lyman Il meraviglioso mago di Oz
    Brown, Dan Il codice Da Vinci
    Calvino, Italo Il cavaliere inesistente
    Camilleri, Andrea Le indagini del Commissario Montalbano (generico)
    Coloane, Francisco Terra del fuoco
    De Crescenzo, Luciano Il dubbio
    Faletti, Giorgio Io uccido
    Follett, Ken I pilastri della terra
    Gaarder, Jostein L’enigma del solitario
    Hancock, Graham Il mistero del sacro graal
    Harrer, Heinrich Sette anni nel Tibet
    Harris, Joanne La spiaggia rubata
    Harris, Robert Pompei
    Irving, John Le regole della casa del sidro
    Kinsella, Sophie Sai tenere un segreto?
    Levi, Carlo Cristo si è fermato a Eboli
    Manfredi, Valerio Massimo Alexandros
    Manfredi, Valerio Massimo L’ultima legione
    Manzoni, Alessandro I promessi sposi
    Mason, Richard Anime alla deriva
    McCourt, Frank Ehi, Prof!
    McLiam Wilson, Robert Eureka street
    Molnar, Ferenc I ragazzi della via Pal
    Orwell, George La fattoria degli animali
    Orwell, George 1984
    Saramago, Josè Tutti i nomi
    Schine, Cathleen La lettera d’amore
    Sepulveda, Luis Patagonia express
    Shakespeare, William Romeo e Giulietta
    Stoker, Bram Dracula
    Thompson, Carlene In caso di mia morte
    Tamaro, Susanna Và dove ti porta il cuore
    Tolkien, J. R. R. Il signore degli anelli
    Verga, Giovanni I Malavoglia
    Verne, Jules Il giro del mondo in 80 giorni
    Szabo, Magda La Porta
    Zaffon, Carlos Ruiz L’ombra del vento

    Mi piace

  19. N: Non credo molto a questo genere di elenchi, perchè se lo compilassi domani invece di stasera, sarebbe diverso. Ma scriverlo è stato…come farmi…una radiografia..per me e anche per i cari amici di questo blog..non ci conosciamo, ma anche attraverso un elenco ci lanciamo dei messaggi.

    1. Tomasi, Il Gattopardo
    2.Azar Nafisi, Leggere Lolita a Teheran
    3.Kader Abdollah, Scrittura cuneiforme
    4. Nadeem Aslam, Mappe per amanti smarriti
    5.N.Aslam, La veglia inutile
    6.Roth, Pastorale americana
    7.De Lillo Wonderworld
    8.De Lillo L’uomo che cade
    9.Ph. Forest Tutti i bambini tranne uno
    10.P.Auster, L’invenzione della solitudine
    11.P. Auster, L’uomo nel buio
    12.Orlando Furioso
    13.Lucrezio De rerum natura
    14.Yourcenar Memorie di Adriano
    15.Greer La storia di un matrimonio
    16.N. Krauss, La storia dell’amore
    17.e.L. Masters, Antologia di Spoon River
    18.Calvino,Lezioni americane
    19.Vassalli, la Chimera
    20.Vassalli, Cuore di pietra
    21.De Roberto, I vicerè
    22.Jung Chang, i cigni selvatici
    23.Terzani, Lettere contro la guerra
    24.Kiran Desai, Eredi della sconfitta
    25.Jumpa Lahiri La nuova terra
    26. Gadda La cognizione del dolore
    27.Sebald. Austerlitz
    28. Odissea
    29.Franzen, Le correzioni
    30.Pavese, La casa in collina
    31.Galeano, Gli specchi
    32. Riccarelli, Il dolore perfetto
    33.Arundhati Roy, Il dio delle piccole cose
    34.A. Bennet, La sovrana lettrice
    35.McEwan, Espiazione
    36.p. Cameron, Un giorno questo dolore ti sarà utile
    37. Ovidio, Le metamorfosi
    38. I.Allende, Il paese inventato
    39.Al Gore,Una scomoda verità
    40. E.Raimondi, Un’etica del lettore

    Mi piace

  20. Ciao Lettoreambulante e ciao a tutti. Ci provo anch’io con i miei primi 40 libri, anche se è stata dura…
    1. Molto forte, incredibilmente vicino / J. Safran Foer
    2. Un giorno perfetto / M. Mazzucco
    3. Il maestro magro / G.A. Stella
    4. La mennulara / S. Agnello Hornby
    5. Gli anni fulgenti di Miss Brodie / M. Spark
    6. Quelli che c’erano / D. Morea
    7. Amiche per la pelle / L. Wadia
    8. La pioggia prima che cada / J. Coe
    9. La nonna vuota il sacco / I. Dische
    10. Ehi, prof! / F. Mc Court
    11. Zoli. Storia di una zingara / C. McCann
    12. Chiedi perdono / A.. MacDonald
    13. La chiave di Sarah / T. de Rosnay
    14. Sirena. Mezzo pesante in movimento / B. Garlaschelli
    15. Le correzioni / J. Franzen
    16. Espiazione / I. McEwan
    17. Le nozze / D. West
    18. Rosso come una sposa / A. Ibrahimi
    19. La fine della strada / J. O’Connor
    20. Quarantatrè / E. Severina
    21. Oh, boy / M.A. Murail
    22. L’ibisco viola / C. N. Adichie
    23. Caffè Babilonia / M. Mehran
    24. Le lezioni di Selma / S.Z. Lukanic
    25. Il monte Hiei / H. Setouchi
    26. Il capitale umano / S. Amidon
    27. Tramonto e polvere / J.R. Lansdale
    28. Il mondo fuori / T. Mirvis
    29. Il seminatore / M. Cavatore
    30. Lasciami andare, madre / H. Schneider
    31. La casa delle sorelle / C. Link
    32. Che cosa ti aspetti da me? / L. Licalzi
    33. Mr Zuppa Campbell e il pettirosso e la bambina / F. Flagg
    34. Oscar e la dama in rosa / E.E. Schmitt
    35. Vergogna / J.M. Coetzee
    36. La linea del traguardo / P. Zannoner
    37. Anguilla / A. Ferrara
    38. La storia dell’amore / N. Krauss
    39. Per chi suona la campana / E. Hemingway
    40. Un’estate di quelle che non finiscono mai / J. Richter
    Beh, pensavo peggio… Ne avrei citati altri, ma attenderò l’anno prossimo!!!

    Mi piace

  21. ok, sto al gioco, ecco la mia personale storia di lettore in 40 libri (in ordine alfabetico, uno per autore, ma anche quelli letti da ragazzo se determinanti e influenti):

    D. Alighieri, La Commedia
    I. Andric, Il ponte sulla Drina
    W.H. Auden, La verità, vi prego, sull’amore
    P. Auster, Mr. Vertigo
    C. Baudelaire, Les fleurs du mal
    S. Beckett, Murphy
    G. Boccaccio, Il Decamerone
    J.L. Borges, Finzioni
    N. Bouvier, L’usage du monde
    G. Büchner, La morte di Danton
    D. Buzzati, Il Deserto dei tartari
    E. Canetti, Autodafé
    Il Cantico dei cantici
    F. Céline, Morte a credito
    M. De Cervantes, Don Chisciotte della Mancha
    J.M. Coetzee, Vergogna
    F. Dostoevski, I Demoni
    F. Dürrenmatt, La visita della vecchia signora
    F. Glauser, Morfina
    W. Goethe, Il Viaggio in Italia
    K. Hamsun, Fame
    E. Hemingway, I quarantanove racconti
    H. Hesse, Narciso e Boccadoro
    Y. Kawabata, Bellezza e tristezza
    D. Kis, Giardino, cenere
    H. Lee, Il buio oltre la siepe
    P. Levi, Se questo è un uomo
    A. Manzoni, I promessi sposi
    C. McCarthy, Meridiano di sangue
    H. Melville, Moby Dick
    E. Montale, Le occasioni
    G. Morselli, Dissipatio H.G.
    V.S. Naipaul, Fedeli a oltranza
    Omero, Odissea
    G. Perec, La vie mode d’emploi
    E.A. Poe, I racconti
    P. Roth, Ho sposato un comunista
    W. Shakespeare, Enrico IV
    R. Walser, Jakob von Gunten
    M. Werner, Di spalle

    Mi piace

  22. di Céline a me è piaciuto moltissimo Morte a credito (trad. G. Caproni), tanto che non ho mai letto Viaggio al termine della notte! prossimamente… oppure no?

    Mi piace

  23. ciao giulia 2.0
    il romanzo di Harper Lee è adorabile! mi piacerebbe però sapere quali erano i primi venti della tua lista!
    e poi, non riesco a trovare online la lista dei 40 di Hornby, sai dove?

    Mi piace

  24. Grazie Gregory,

    mi hai ricordato che nella mia lista avrei dovuto mettere anche _Moby Dick e _Il ponte sulla Drina e magari _Meridiano di sangue invece di _Cavalli Selvaggi, forse…

    ciao ciao e benvenuto su questo blog! 🙂

    Mi piace

  25. Ciao Luigi
    grazie per il benvenuto.

    Ho lasciato qualche traccia anche nei Più bei libri del 2009.

    Comunque, stilare una lista è sempre cosa ardua! Anch’io ho qualche rimpianto: Bulgakov (Maestro e Margherita), Cecov (I racconti) e Gadda (Quer pasticciaccio…). Di Primo Levi sono indeciso tra Se questo è un uomo e I sommersi e i salvati. Per Philip Roth, ho preferito mettere Ho sposato un comunista perché avevo visto nella tua e in un’altra lista Pastorale americana, che rimane la mia prima scelta.

    Complimenti per l’iniziativa, a risentirci!

    Mi piace

  26. Ciao Gregory, benvenuto!
    I miei primi 20 sarebbero stati:
    Joyce Carol Oates, Una famiglia americana
    Jeffrey Eugenides, Le vergini suicide
    Alison Bechdel, Fun Home
    Marisha Pessl, Teoria e pratica di ogni cosa
    Peter Cameron, Quella sera dorata
    Miriam Toews, Un complicato atto d’amore
    Jonathan Franzen, Le correzioni
    Michael Cunningham, Carne e sangue
    Alice Sebold, Amabili resti
    James Ellroy, American Tabloid
    Truman Capote, A sangue freddo
    Harper Lee, Il buio oltre la siepe
    Joe Lansdale, La sottile linea scura
    John Steinbeck, Il giardino dell’Eden
    Don De Lillo, Rumore bianco
    Chaim Potok, Danny l’eletto
    Jean-Claude Izzo, Solea
    Johan Harstad, Che ne è stato di te, Buzz Aldrin?
    Thoman Mann, I Buddenbrook
    Haruki Murakami, Tokyo blues

    Per vedere la lista dei libri consigliata da Hornby puoi guardare qui, in inglese. In Italiano l’ho trovata solo su Internazionale, ma di qualche settimana fa ormai.

    *giuliaduepuntozero

    Mi piace

  27. Decisamente.
    Di sicuro *Le correzioni*, grandioso. Altri mi sono piaciuti meno, *Forte movimento* addirittura l’ho mollato dopo un centinaio di pagine, cosa che non mi succede mai!

    *giuliaduepuntozero

    Mi piace

  28. a proposito di romanzieri americani:
    hai mai letto i romanzi di Russel Banks?
    per iniziare: Affliction da cui ha tratto un ottimo film Paul Schrader nel 1997.
    😉

    Mi piace

  29. anch’io ho abbandonato “Forte movimento” dopo appena 50 pagine. mentre ho trovato splendido “le correzioni”, tanto che l’ho inserito nella lista dei miei 40 che presto invierò al GRUPPO

    Mi piace

  30. Come quasi tutti prima di me … ho sofferto nel fare la lista; soprattutto perché potevo scegliere solo 1 libro per ogni autore … L’ho cambiata e ricambiata… ecco il risultato (almeno per il momento:):

    Doris Lessing – Il taccuino d’oro
    Ivo Andric – Il ponte sulla Drina
    Heinrich Böll – L’onore perduto di Katherina Blum
    Lion Feuchtwanger – Successo
    Thomas Mann – I Buddenbrooks
    Klaus Mann – Mephisto, romanzo di una carriera
    Heinrich Mann – Il suddito
    Stefan Zweig – Il mondo di ieri. Ricordi di un europeo
    Tolstoij – Guerra e pace
    M. Bulgakov – Il Maestro e Margherita
    F. Dostoevskij – Il giocatore
    Franz Kafka – Il processo
    Berthold Brecht – Vita di Galileo
    Elsa Morante – La storia
    John Steinbeck – La Valle dell’Eden
    N. Hawthorne – La lettera scarlatta
    Harper Lee – Il buio oltre la siepe
    Italo Calvino – Il sentiero dei nidi di ragno
    Natalia Ginzburg – Lessico famigliare
    Primo Levi – Se questo è un uomo
    Friedrich Dürrenmatt – Romolo il grande
    Christa Wolf – Cassandra
    Irene Nemirovsky – Suite Francaise
    J.M. Coetzee – Aspettando i barbari
    Arto Paasilinna – L’anno della lepre
    Christoph Hein – L’amico estraneo
    Anne Tyler – Per puro caso
    Gioconda Belli – La donna abitata
    Philip Roth – Ho sposato un comunista
    Ian McEwan – Amsterdam
    Orhan Pamuk – Istanbul
    Marcel Beyer – Pipistrelli
    S. de Beauvoir – Memorie di una ragazza perbene
    J.P. Sartre – I sequestrati di Altona
    Albert Camus – Lo straniero
    Björn Larsson – La vera storia del pirata Long John Silver
    Urs Widmer – L’uomo amato da mia madre
    Robert Schneider – Le voci del mondo
    Isabel Allende – Paola
    Paul Auster – Nel paese delle ultime cose

    Mi piace

  31. Intervengo di nuovo in merito al fatto che GREGORY7 ha definito la mia lista “una strana lista senza un centro.”
    Mi domando come un elenco come questo possa avere un centro, anzi, data anche la difficoltà della scelta,io non volevo assolutamente darmi un centro, volevo piuttosto… muovermi liberamente nel tempo e nello spazio.
    Ho forse privilegiato libri letti di recente, come per es. libri delle cd. “letterature altre” a cui mi sono particolarmente dedicata in questi ultimi anni.
    Sono diverse le motivazioni per cui nell’elenco inserisci un libro piuttosto che un altro.
    Un libro come il GATTOPARDO lo amo come romanzo, come scrittura, al di là di tutte le polemiche che ci sono state nel tempo anche per pregiudizi ideologici , ma anche…magari perchè l’approfondimento di questo libro è legato a fatti o persone della mia vita privata e professionale.
    Ho letto e studiato per una vita opere come La DIVINA COMMEDIA o I PROMESSI SPOSI, e potevo inserirli nell’elenco, invece ho preferito scrivere l’ ORLANDO FURIOSO, perchè in fondo mi piace di più di quella “reductio ad unum” del nostro Dante la polifonia di Ariosto con il suo meraviglioso relativismo con i suoi cavalieri, esseri desideranti che “errano di qua e di la’. Invece dei Promessi sposi ho inserito LA CHIMERA di Vassalli, perchè mi piace pensare a quel 600 che invece di santificare Carlo Borromeo ci racconta come si creano e si bruciano le streghe.
    Non ho scelto dunque solo in base ad un giudizio di valore estetico o artistico.
    Nessun centro:LA SOVRANA LETTRICE per la sua squisita ironia,o Al Gore con la sua drammatica denuncia ecologica e ..magari OVIDIO e LUCREZIO, intesi come nelle LEZIONI AMERICANE di Calvino, come diversi
    modi di rappresentare il mondo, per innalzarsi “con leggerezza” al di sopra del PESO del mondo o del PESO del vivere…
    E’ sempre Calvino che dice che “ogni vita è un’enciclopedia, una biblioteca, un inventario di oggetti, un campionario di stili, dove tutto può essere continuamente rimescolato e riordinato in tutti i modi possibili.”
    Anche un ..arido elenco può essere tutto questo.
    Le mie precisazioni non per polemizzare con Gregory7, ma per continuare a porre domande a me stessa ( la radiografia di cui parlavo all’inizio dell’elenco! )
    Certo potrei riscrivere l’elenco e inserire anche diverse opere dell’elenco di Gregory o Luiginter e di altri!

    Mi piacerebbe però sapere qual è il centro della lista di Gregory7 ?

    Mi piace

  32. il centro? forse l’Odissea e la scrittura come viaggio e stupore rinnovato; oppure l’Inferno di Dante e l’uso della lingua come ricerca di senso. L’inizio? Herman Hesse, ovvero la scrittura che nasce dalla fiducia di poter cambiare il mondo.
    (grazie per le spiegazioni ma continuo a non capire come possano far parte della stessa lista Ovidio, Lucrezio, Ariosto e… Al Gore!)

    Mi piace

  33. Approfitto dell’intervento di Gregory7 per una correzione al mio precedente commento: ho scritto Carlo Borromeo invece volevo scrivere Federico Borromeo.

    Ripeto che la scelta dei libri non è per me stata legata solo al valore artistico dei testi, ma ad altre ragioni che ho tentato di spiegare prima..tra queste la varietà.
    Perchè Al Gore? in questo caso puoi trovare la mia ampia risposta in questo blog, se digiti in prima pagina in alto a destra AL GORE troverai un mio lungo post sul libro UNA SCOMODA VERITA’, grazie al quale è stato conferito il Nobel a questo politico.
    Amo moltissimo leggere, ma al di là dei romanzi ..sento molto… sulla mia pelle il problema ecologico. Avrei potuto citare anche VANDANA SHIVA, che ho avuto il piacere di ascoltare pochi giorni fa a Torino alla Fiera del libro.
    A quel già lungo elenco potevo aggiungerne tanti altri e tra questi alcuni indicati da te.
    Comunque il mio centro…è tutto ciò che lascia un segno nel tempo dentro di me.
    Mi piacerebbe continuare questo dialogo!!!

    Mi piace

  34. in rigoroso ordine sparso:
    1. Lolita – Nabokov
    2. Revolutionary Road – Yates
    3. Dalia Nera – Ellroy
    4. Le Correzioni – Franzen
    5. Espiazione – McEwan
    6. Il Grande Gatsby – Fitzgerald
    7. Follia – Mcgrath
    8. Il destino si chiama Clotilde – Guareschi
    9. La famiglia Winshaw – Coe
    10. Il petalo cremisi e il bianco – Faber
    11. Il signore delle mosche – Golding
    12. La voce del fiume – Cabrè
    13. L’opera galleggiante – Barth
    14. Anime alla deriva – Mason
    15. Lettera a Berlino – McEwan
    16. La donna fantasma – Woolrich
    17. Un uomo – Fallaci
    18. Piccole donne – Alcott
    19. Dieci piccoli indiani – Christie
    20. L’altra Garce – Atwood
    21. Il buio oltre la siepe – Lee
    22. La donna della domenica – Fruttero e Lucentini
    23. Quando Hitler rubò il coniglio rosa – Kerr
    24. La versione di Barney – Richler
    25. Stella del mare – O’Connors
    26. L’ombra del vento – Zafon
    27. 1984 – Orwell
    28. Ladra – Waters
    29. Il giardino di cemento – McEwan
    30. L’eleganza del riccio – Barbery
    31. Racconti del terrore – Poe
    32. La famosa invasione degli orsi in Sicilia – Buzzati
    33. Lettera a Rebecca – Roj
    34. I Malavoglia – Verga
    35. La malora – Fenoglio
    36. Epitaffio per una spia – Ambler
    37. Il rapporto Pelican – Grisham
    38. Chiedi perdono – MacDonald
    39. I delitti di via Medina-Sidonia – Piazzese
    40. Leggere Lolita a Teheran – Nafisi

    Mi piace

  35. Ciao a tutti, con modestia, la mia lista:

    1) Cent’anni di solitudine – Gabriel Garcia Marquez
    2) Guerra e pace – Lev Tolstoj
    3) Delitto e castigo – Fedor Dostoevskij
    4) Anna Karenina – Lev Tolstoj
    5) Gabriella garofano e cannella – Jorge Amado
    6) I miserabili – Victor Hugo
    7) Notre-Dame de Paris – Victor Hugo
    8) Santa Barbara dei fulmini – Jorge Amado
    9) Di là del fiume e tra gli alberi – Ernest Hemingway
    10) L’amore ai tempi del colera – Gabriel Garcia Marquez
    11) Il vecchio e il mare – Ernest Hemingway
    12) Il maestro e Margherita – Michail Bulgakov
    13) Dona Flor e i suoi due mariti – Jorge Amado
    14) Il conte di Montecristo – Alexandre Dumas
    15) Le avventure di Oliver Twist – Charles Dickens
    16) Ventimila leghe sotto i mari – Jules Verne
    17) I tre moschettieri – Alexandre Dumas
    18) Don Chisciotte della Mancia – Miguel Cervantes
    19) Moby Dick – Herman Melville
    20) Tre uomini in barca – Jerome Kapka Jerome
    21) La metamorfosi – Franz Kafka
    22) Il ritratto di Dorian Gray – Oscar Wilde
    23) Turista da banane – Georges Simenon
    24) Seta – Alessandro Baricco
    25) Carmen – Prosper Mérimée
    26) La figlia del capitano – Aleksandr Puskin
    27) Il gattopardo – Giuseppe T. di Lampedusa
    28) Il piacere – Gabriele d’Annunzio
    29) Madame Bovary – Gustave Flaubert
    30) Frankenstein – Mary Shelley
    31) Orgoglio e pregiudizio – Jane Austen
    32) Piccole donne – Alcott
    33) L’isola del tesoro – Stevenson
    34) Storia di Artur Gordon Pym – Edgar Allan Poe
    35) La cotogna di Istanbul – Paolo Rumiz
    36) Uno, nessuno e centomila – Pirandello
    37) Lolita – Nabokov
    38) Il dottor Zivago – Boris Pasternak
    39) Avventure della ragazza cattiva – Mario Vargas Llosa
    40) Racconti di Pietroburgo – Gogol

    … e tanti, tanti altri…. tipo Marcela Serrano, Isabel Allende, Angeles Mastretta, James Joyce, Jorge Luis Borges, Julio Cortazar, Alejo Carpentier, Guy de Maupassant, Goethe, Ugo Foscolo, Giovanni Verga, Elsa Morante, Grazia Deledda, Stendhal, Emile Zola… e le poesie di: Pablo Neruda, Charles Baudelaire, Garcia Lorca e Giovanni Pascoli. Uniche.
    Dante, Petrarca, Boccaccio, Manzoni, Torquato Tasso, Ludovico Ariosto, Niccolò Machiavelli… aiuto, potrei continuare all’infinito!!!

    Leonor

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...