Appunti per uno studio del cuore umano, Penelope Lively

Appunti per uno studio del cuore umano Penelope Lively è stata una delle mie scoperte recenti più soddisfacenti, grazie a *Tre vite* di cui ho parlato un annetto fa. Una di quelle scrittrici _come Joyce Carol Oates o Ann-Marie MacDonald o Anne Tyler_ che mi stupiscono e mi affascinano non solo per le loro narrazioni, ma anche, e soprattutto, per la loro abilità nello scrivere.

Questo *Appunti per uno studio del cuore umano*, edito recentemente da Guanda, non è stato all’altezza di *Tre vite*, ma merita comunque una lettura, e una recensione.

E’ ambientato nell’Inghilterra sudoccidentale, dove Stella Brentwood, antropologa in pensione, si ritira dopo anni in giro per il mondo _a Malta, sul Delta del Nilo, nelle Orcadi_ a studiare culture diverse, e in particolare le relazioni fra famiglie all’interno di piccole civiltà.

Molto belli i punti in cui narra il passato, accenna i suoi studi, ricorda i suoi amori; un po’ meno il presente, che ho trovato un po’ confuso e poco approfondito, come anche la psicologia dei personaggi.

Anche se ho apprezzato lo stile narrativo, con passaggi dall’oggi a ricordi di ieri, narrazione dal punto di vista di Stella a quello dei due ragazzini _psicopatici e pure troppo inquietanti_ vicini di casa, intermezzi presi da quatidiani locali.

Come sempre, un applauso a Guido Scarabottolo per la copertina, e molto bella anche la traduzione italiana dell’originale *Spiderweb*, che trovo molto poetica e musicale.

*giuliaduepuntozero

Annunci

4 pensieri riguardo “Appunti per uno studio del cuore umano, Penelope Lively”

  1. Ecco un’altra scrittrice di cui vorrei leggere qualcosa (ma anche Joyce Carol Oates), cavolo ma perché non ce la farò mai a leggere tutto quello che vorrei? Sono vittima della mia stessa voracità.

    Mi piace

  2. Ho letto La fotografia e Tre vite; comprato questo forte dell’autrice e…l’ho trovato davvero brutto!!! Inserito fra gli orribili….il bello dei libri ma, dopo gli altri due questo mi ha davvero deluso.

    Mi piace

  3. Ciao Stefania,
    io ho letto solo *Tre vite* e questo, e *Tre vite* lo consiglio caldamente.
    Stefi, addirittura fra gli orribili… no, io non lo giudico così male, anzi, lo metto fra i libri che tengo (mensilmente facciamo un po’ di pulizia fra gli scaffali e portiamo i libri di cui si può fare a meno al libraccio). Non mi ha finita, ma ci sono spunti interessanti. La pecca è che non sono stati approfonditi così bene. Sarà che anche l’mabientazione mi è piaciuta molto…
    Ciao!

    *giuliaduepuntozero

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...