Mercé Rodoreda, La piazza del diamante

Ci voleva un centenario, come quello della nascita, perché, almeno in Italia, si tornasse a parlare di Mercé Rodoreda (1908-1983), una scrittrice spagnola, anzi catalana, già pubblicata in Italia presso diverse case editrici, ma senza grande successo.

E questa volta, invece, direi che La piazza del diamante, ripubblicato nel 2009 da La Nuova Frontiera sia riuscito a far parlare di sé e a meritare da parte di tutti ottime recensioni. Il romanzo in Italia è stato tradotto più volte: l’ultima traduzione è di Giuseppe Taviani, autore anche della interessante postfazione. 
Addirittura oggi esiste anche una traduzione in sardo, in limba sarda, ma forse la notizia non è così sorprendente, considerata l’affinità tra sardo campidanese  e catalano.

Leggere sulla copertina che è “il romanzo più bello che sia mai stato pubblicato in Spagna dopo la guerra civile” e considerare che questa è un’affermazione di Gabriel Garcia Marquez è già una garanzia ed una sollecitazione alla lettura, al di là della pubblicità dei mass media.


E infatti ti ritrovi subito coinvolta in una lettura che non riesci ad interrompere, trascinata da quel flusso di coscienza così particolare che è la tecnica narrativa scelta da Mercé Rodoreta, per farti innamorare della protagonista assoluta del romanzo, Natalia, anzi Colombetta, che, con tutta la sua ingenuità e fragilità, si muove a  Barcellona prima, durante e dopo i duri tempi della guerra civile. Tutto comincia e finisce in quella “Piazza di Diamante” nel barrio popolare di Gracia ,dove  nelle prime pagine  Colombetta arriva  un po’ controvoglia, vestita “di bianco da capo a piedi…come un sorso di latte. Ed è lì che Quinet, un giovane con occhi da scimmietta brillanti balla con lei e decide che in capo ad un anno sarebbe diventata la sua signora e la sua regina. Quinet è burbero,irrequieto,prepotente, maschilista,.E Combetta lo sposa, nascono due figli e…

 Tutto andava avanti così con piccoli grattacapi, finchè venne la repubblica e Quinet si esaltò e andava per le strade gridando e facendo sventolare una bandiera che non sono mai riuscita a sapere dove l’aveva presa.

In quel non sono riuscita mai a sapere– come dice Marco Lodoli su Repubblica– c’è il sapore della vita a metà di Natalia

E’ importantissimo l’ evento storico della guerra civile, che tuttavia resta sullo sfondo e che noi viviamo attraverso i riflessi che ha nella vita quotidiana di Colombetta, che nella sua semplicità non ha alcuna coscienza politica :  vlve sulla sua pelle una guerra giusta, ma che distrugge i sogni, le porta via il marito e la lascia a pagare le conseguenze di essere “la moglie di un rosso”.

Di notte , se mi svegliavo, dentro ero come una casa quando vengono gli uomini del trasloco e mettono tutto sottosopra. Così ero io dentro. Con gli armadi in anticamera e le sedie gambe all’aria e tazze per terra da avvolgere con la carta e metterle in una cassa con la paglia e il divano e il letto disfatti in piedi contro la parete e ogni cosa in disordine.

Giustamente la chicana Sandra Cisneros, che con una sua nota introduce il libro, afferma che Mercé Rodoreda “scrive di sentimenti di personaggi così impietriti o sopraffatti dagli eventi da non avere nient’altro che le emozioni da comunicare” E così  è la Colombetta, non più bianca come un sorso di latte, ma tutta vestita di nero e, in cima una specie di macchia bianca, la faccia che diventava sempre più minuta, nei tragici anni del dopoguerra, quando il non aver nulla da mangiare la porta a decidere di togliere la vita a sé e ai suoi figli. Questo poi non accadrà, ci sarà un secondo matrimonio con Antoni un uomo sensibile come lei, con cui riuscirà a vivere serenamente solo dopo che,  molti anni dopo,ritornata nella Piazza del Diamante,”una cassa vuota fatta di case vecchie con il cielo per coperchio” …

lanciai un urlo di inferno.Un urlo che dovevo portarmi dentro da molti anni, e con quell’urlo così ampio che aveva fatto fatica a passarmi per la gola, dalla bocca mi uscì un pezzetto di niente, come uno scarafaggio di saliva…e quel pezzetto di niente che mi era vissuto tanto tempo dentro era la mia giovinezza che fuggiva con un urlo che non sapevo bene cosa fosse.

Come non pensare all’Urlo di Munch?

Nel 1984 lo scultore catalano Medina-Campney  nella Piazza del Diamante ha ritratto  Colombetta  proprio nel momento  in cui lancia il suo profondissimo urlo d’inferno. Un  corpo di donna nudo attraversa una parete, un triangolo di metallo e filo spinato, e se ne distacca con le braccia e le gambe protese in avanti  

E dopo l’urlo tutto fu diverso  e, tornata a casa,  il letto di Antoni quella sera era caldo come la pancia di un canarino. Felici è l’utima parola del romanzo. Nulla di melodrammatico e di patetico. 

Non è la storia che mi ha attratto,e che potrebbe essere, come qualcuno ha scritto “la tragedia del banale”, l’epica del quotidiano “di un mondo formato mignon”, ma la tecnica espressiva di Mercé Rodoreda, il modo in cui l’io narrante, con un lungo monologo  quasi parlato di oltre 200 pagine, sa condurti dentro la storia. E’ un flusso di coscienza che non ha nulla a che fare con Joyce, può ricordare piuttosto Virginia Woolf: Colombetta non è tuttavia l’intellettuale  raffinata del circolo Bloomsbury, ma una donna semplice di scarsa cultura, espressione di una coscienza popolare.  E così a partire dallo sguardo di questa donna ingenua, di cui cogli tutta la sensibilità e la sua drammatica innocenza, sei coinvolto in un racconto ora struggente, ora lirico, ora duro. I periodi brevi, anche brevissimi, agili con un loro ritmo e musicalità.  Leggere le parole prese dal quotidiano, ripetute uguali senza ricerca di sinomini. Tenere  e coinvolgenti le tante similitudini.

E sempre la Cisneros nella nota introduttiva dice della Rodoreda che “è una scrittrice per niente piccola, esperta dell’ascolto di chi non parla, di chi è colmo di grandi emozioni ma è muto e non sa nominarle.” E così è appunto Natalia / Colombetta.

Mercé Rodoreda, La Piazza del Diamante, La Nuova Frontiera, 2009,  pp 223

Annunci

5 pensieri su “Mercé Rodoreda, La piazza del diamante”

  1. salve a tutti,
    sono Miriam, mi complimento per il sito..vi leggo spesso e mi “date una mano” per il mio lavoro!
    vi scrivo perchè ho bisogno di un aiuto. sto cercando un corto pubblicato con il corriere della sera, il corto n 1 di roberto saviano, “il vontrario della morte”. L’ho cercato ovunque, in lungo e in largo,In edicole e ho chiamato anche la redazione del giornale, ma niente. Vorrei comprare quel libro, se ci fosse qualcuno disposto a vendermelo. Decidete voi il prezzo..Pago anche le spese di spedizione e tutto il resto. Vi prego. aiutatemi.
    vivo una storia simile a quella della protagonista, e…
    vi ringrazio anticipatamente.. e spero nel vostro aiuto.
    buonagiornata, Miriam

    Mi piace

  2. Bellissimo romanzo : l’ho letto a marzo su suggerimento della trasmissione Fahrenheit dove era il lizza come libro del mese e l’avevo segnalato tra i più belli letti nel 2009 . Copioincollo quello che avevo scritto allora, sotto l’incantamento della prosa della Rodoreda.
    “Presentato ultimamente a Fahrenheit , dove è diventato in breve un piccolo caso letterario, ho iniziato a leggerlo con un po’ di perplessità a causa del linguaggio dal flusso apparentemente maldestro ma in realtà abilissimo perché è l’unico modo per presentare e far parlare la protagonista Natàlia-Colombetta ( una ragazza semplice e ingenua che vive la miseria , la perdita del I marito, la solitudine e poi un II matrimonio nella Barcellona della repubblica e della guerra civile ) e per restituirne al lettore la semplicità, i timori, le speranze , le scontrosità, le fragilità, i dolori e le gioie… e qui avviene il miracolo perché il linguaggio usato dalla scrittrice catalana diventa il vero gioiello, un diamante sfaccettato abilmente, una scrittura semplice ed assolutamente poetica , tanto che la vicenda, da comune e minima, diventa quasi epica . Un inno alla vita!”.
    @ xochitl2 : romanzo che ha resistito egregiamente ad una rilettura, intrigandomi ancora di più (cosa che non posso dire di ” Olive Kitteridge” della Strout … la rilettura , in questo caso, è diventata triste consapevolezza del linguaggio frettoloso, artificioso , della troppa carne al fuoco che poi non ha ricevuto un’adeguata cottura da parte dell’autrice).
    Saluti cari.

    Mi piace

  3. Mi fa piacere di condividere con Silvana l’apprezzamento di questo originale romanzo. Il tipo di scrittura mi ha veramente coinvolto. Avevo avuto qualche esitazione nello scrivere questo post,anzi quasi me ne scuso, perchè ricordavo che tu avevi già scritto qualcosa molto tempo fa e con la solita rapidità ed efficacia. Avendo però visto che, cliccando La Piazza del Diamante, non risultava nulla, mi dispiaceva che non ci fosse un intervento, diciamo di primo piano,anche se con la solita mia prolissità sull’argomento..per quelli che passano di qua…senza lasciare traccia. E allora la solita domanda, perchè Silvana non diventa autrice?

    Come già sai, ho acquistato e letto subito Olive Kitteridge, ma non mi ha entusiasmato, come mi faceva prevedere il tuo intervento. Mi ripromettevo di dire qualcosa dopo averlo riletto, perchè avevo la sensazione che fosse un libro da rileggere, per cogliere meglio certi risvolti psicologici e inquadrare meglio in questo “romanzo di racconti” la un po’ antipatica Olive nei suoi rapporti con la gente e soprattutto con il marito e il figlio.
    Tempo permettendo, mi piace molto rileggere, perchè solo così certi particolari, conoscendo il dopo, acquistano valore. Avevano ragione, come sempre, i nostri antenati, quando , soprattutto a teatro, prima di tutto ti facevano conoscere la “fabula”e il suo esito finale. Ciao Silvana e buona giornata!

    Mi piace

  4. Buon pomeriggio…Ho letto sia “La Piazza del Diamante” sia “Lo specchio rotto”. Ho scoperto questa autrice per “sbaglio”, solo perchè una tra le mie più care amiche è in Spagna ed il suo Dottorato verte proprio sull’Autrice…Cosa dire? Mi ha presa e trascinata nel libro, per le strade, tra la folla e le sue emozioni..Sono stata lei, tra i piccioni, lei davanti la Casa dove lascia il figlio…lei sola e forte, lei affamata ma coraggiosa..Mi ha preso l’anima ed è stato uno dei libri più belli mai letti.Uno stile asciutto, vibrante, passionale….come la vita stessa! Felice ed orgogliosa di averlo nella mia biblioteca…sono certamente più “ricca”. Un caro saluto Irene

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...