I libri più venduti della settimana, 30 0ttobre 2009

I più venduti della settimana:
In assoluto:
1) Camilleri, La Rizzagliata (Sellerio)
2) Tabucchi, Il tempo invecchia in fretta (Feltrinelli) ex aequo Dan Brown, Il simbolo perduto (Mondadori).
3) Pamuk, Il museo dell’innocenza (Einaudi) ex aequo Benni, Pane e tempesta (Feltrinelli).
4) Coelho, Il vincitore e’ solo (Bompiani)
5) Dennis, Zia Mame (Adelphi)
Continua

Gunnar Staalesen, Satelliti della Morte. I gialli del nord (finalmente) anche da Iperborea

Per chi ancora non lo sapesse, segnalo che Iperborea – la storica casa editrice dedicata alla letteratura dei paesi del Nord Europa – ha inaugurato una collana dedicata al giallo/noir. Si chiama Ombre, e il primo titolo pubblicato è del norvegese Gunnar Staalesen, Satelliti della morte.
Continua

Spartacus e Saviano

Sto seguendo Blunotte – Misteri italiani, il programma di Carlo Lucarelli, puntata sul clan dei Casalesi.

Parla Roberto Saviano (nel video sopra a L’Era glaciale di Daria Bignardi del 25 settembre 2009 _la puntata di Blunotte non è ancora stata caricata su YouTube), racconta la sua storia.

Inizia dal processo Spartacus, e dice che è stato chiamato così perché lì il diritto è la vera rivolta.
Continua

Coriandoli punk

2845907All’inizio era il caos…
“Quando nacque il punk, la società borghese pensò che avesse torto su tutto (…)
La musica punk è considerata disgustosa, degradante, orrenda, voyeuristica e nauseante…”.

Eppure grazie ai questi strani gruppi di artisti e sbandati senza ordine alcuno, la società di fine anni ’70 ammuffita, noiosa e ingessata ha tratto nuova linfa.
Ma il punk non sarebbe stato nulla senza i PIRATI: il loro unico principio è “la libera circolazione delle idee”: “i pirati individuano le aree dove non ci sono opportunità di scelta e pretendono che la scelta venga assicurata. Questa mentalità è indipendente dai formati mediatici e dai modelli di business”.

Sono solo al secondo capitolo di PUNK CAPITALISMO (di Matt Mason – Serie Bianca Feltrinelli, prezzo copertina 18 eu) e non vedo l’ora di andare oltre. Continua

L’ubicazione del bene. E il bene dell’immaginazione

Edward Hopper - Pennsylvania
Edward Hopper - Pennsylvania

L’ubicazione del bene, di Giorgio Falco (Einaudi) ha suscitato articoli pieni d’entusiasmo. Mi hanno inglosito fino a farmelo comprare. È una raccolta di racconti (meno di 150 pagine) tutti ambientati a Cortesforza, sobborgo (immaginario ma verosimile) di villette a schiera appena fuori da Milano. È un libro che merita di essere letto. Tuttavia ho qualche riserva. Continua

Un peana per le zebre, Alexander McCall Smith

Giant baobab - foto: Lee Otis, flickr
Giant baobab - foto: Lee Otis, flickr

Ho già parlato di Alexander McCall Smith, a proposito di alcuni titoli del Club dei filosofi dilettanti, serie ambientata a Edimburgo, che vede come protagonista Isabel Dalhousie, filosofa e curiosa della natura umana.

*Un peana per le zebre*, ed. Guanda, fa invece parte dell’altra serie, quella dell’investigatrice privata Precious Ramotswe, titolare dell’agenzia Ladies Detective Agency n° 1. E’ il terzo titolo, dopo *Le lacrime della giraffa* e *Morale e belle ragazze*; li ho trovati tutti molto carini, leggeri e un po’ naive, ma allo stesso tempo molto profondi.
Continua

Ancora su Into the wild: Eddie Vedder e Erri De Luca

Come scritto, *Into the wild*/*Nelle terre estreme* mi ha molto colpito. Prima il film, poi il libro, e infine la colonna sonora di Eddie Vedder.

Proprio a proposito della colonna sonora del film, ieri il mio ragazzo mi ha mandato il testo di una delle canzoni di Eddie Vedder inclusa nell’album, e quello di una poesia di Erri De Luca. Le somiglianze sono forti…
Continua