Stitches, David Small

Oggi vi propongo un graphic novel. *Stitches*, ed. Rizzoli Lizard, è un’autobiografia e un romanzo di formazione. Racconta l’infanzia dell’illustratore David Small, un’infanzia difficile e dura.

Una famiglia i cui membri sono soli e lontani uno dall’altro, una madre cattiva, un padre distante, un fratello dispettoso, per non parlare della nonna violenta e pazza. Una famiglia che non si parla, ma nella quale ciascuno ha un suo proprio linguaggio: lo sbattere violento degli armadi della cucina per la madre, i pugni sul punching ball del padre, la batteria di Ted, il fratello maggiore. Il linguaggio di David, invece, è la malattia.

A 11 anni gli trovano un rigonfiamento sul collo, ma, pur essendo il padre un medico, non viene curato subito _in fondo, i genitori sono troppo presi da promozioni, feste, acquisti di auto… A 14 anni viene operato maldestramente, e quando si risveglia scopre di non avere più una corda vocale _e quindi la voce_ né la tiroide, ma in compenso di avere 29 punti _stitches_ sul collo. Ah, e anche di aver avuto il cancro, ma questo lo scopre solo dopo, leggendo di nascosto una lettera della madre.

Insomma, le premesse non sono delle più facili, e in questo graphic novel non c’è spazio per nessuna risata, come succedeva ad esempio in *Fun Home* di Alison Bechdel. In parecchi punti fa venire le lacrime agli occhi, ma è anche molto tenero, e molto bello.

Dalla prefazione di Luca Sofri:

[…] Ho ben più di 40 anni, quali altri ragioni mi tengono incollato a un graphic novel dall’inizio alla fine con la curiosità di sapere cosa succede di un ragazzino, curiosità che ormai ho perso per il 95% dei libri che leggo? Cosa hanno, di più?
E’ ovvio, cosa hanno di più: le figure. E’ il cinema. E’ lo stesso vantaggio di immediatezza e coinvolgimento rispetto alla parola scritta che hanno i film. E’ lo stesso potere magnetico di immedesimazione e meraviglia. C’è della bellezza rappresentata con armi che il testo da solo non ha. E c’è qualcosa di familiare, una madeleine, nei fumetti: è da lì che è cominciato il nostro rapporto con la lettura.

*giuliaduepuntozero

Advertisements

Un pensiero riguardo “Stitches, David Small”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...