Il “mio” Festivaletteratura Mantova 2011 – parte terza: a Blurandevu i volontari incontrano un blogger egiziano

Continua il racconto delle giornate a Mantova della  nostra X. Ecco i suoi appunti

di  | Alle 22.30 di giovedì 9 settembre nello spazio di Blurandevu i giovani volontari incontrano un blogger egiziano. Doveva essere Ramy Raoof secondo il programma, ma è stato sostituito da Wael Abbas, comunque da un blogger protagonista del movimento di piazza Tahir. Ha 36 anni, è laureato in letteratura inglese, ha fatto studi di informatica e gestisce dal 2004 un blog.

È uno dei protagonisti  della Rivoluzione egiziana, cha ha trovato in internet uno dei suoi principali  strumenti di lotta e di mobilitazione. Il suo blog è stato uno dei principali canali attraverso i quali anche in occidente è stato possibile vedere e ascoltare quello che accadeva a piazza Tahir.
Interessante il confronto tra i giovani di Blurandevu e il blogger sulla protesta e sulle nuove tecnologie.

Un articolo di Colibrì (il notiziario dell’Associazione Filofestival) riporta un intervento di Ramy Raoof, in cui già nel 2009  sfidava il regime di Mubarak.

“L’affermazione dei media digitali in Egitto è dovuto a diversi fattori:

  • La soppressione dei canali tradizionali di informazione come quotidiani, emittenti televisive e radiofoniche
  • La censura dei contenuti previa ad ogni forma dipubblicazione
  • Le svariate forme di opposizione indirizzate ai giornalisti
  • I margini di libertà molto ristretti

Quando il regime ha capito l’importanza dei nuovi mezzi di comunicazione, sono iniziate le persecuzioni, le detenzioni, la tortura dei blogger, l’oscuramento  dei blog personali, dei loro account su Twitter, maturando così la consapevolezza dei propri diritti violati, creando un acceso dibattito e attirando l’attenzione  della comunità internazionale.

Il blogger informa sulla situazione attuale che  non è molto  tranquilla per il consiglio di militari, in attesa delle elezioni di novembre : 12000 egiziani sono in carcere in attesa di processo. I mass media  sono molto controllati, è possibile solo il turismo di gruppo. Il vecchio regime non è scomparso.

Ancora diverse domande dei volontari.  Alla domanda se è  opportuno o necessario l’intervento di forze straniere, la risposta è decisamente negativa. Perché non accada come in Libia, deve essere il popolo a condurre la rivoluzione,  dall’esterno deve venire  solo solidarietà

Alla richiesta se c’è qualcosa in comune tra “Primavera araba” e gli indignados spagnoli o cileni e le rivolte di Londra il blogger sottolinea che,  anche nel mondo libero senza dittature, si è liberi fino ad un certo punto e del resto,  ovunque,  c’è povertà e disoccupazione.

Si ribadisce la presenza delle donne nelle rivolte: nessuna differenza tra uomo e donna, tra giovane e vecchio nel contribuire alla rivoluzione, che era partecipata in tutto l’Egitto e non solo al Cairo.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...