Lo sguardo di Elettra

La trama: Agamennone, alla guida dell’esercito degli Achei, sacrifica la figlia Ifigenia alla dea Artemide per rabbonirla di un sacrilegio subito e ottenere in cambio i venti favorevoli per poter salpare con la sua flotta verso Ilio, dando così inizio alla guerra di Troia. Clitemnestra, sua moglie, non gradisce e, al suo ritorno, dieci anni dopo, lo aspetta con la scure dietro la porta insieme al suo amante, Egisto, che nel frattempo si è sostituito a lui nell’esercizio del potere su Micene. All’omicidio assiste la figlia Elettra, condannata da quel momento a vivere come una schiava in casa propria e il cui scopo nella vita, da questo momento in avanti, sarà quello di preparare nell’ombra il matricidio e l’assassinio del suo amante. Per farlo, ha bisogno di un complice: Oreste, suo fratello, che lei stessa ha allontanato dalla reggia per proteggerlo, verrà chiamato a vendicarsi insieme a lei della coppia omicida. Continua a leggere Lo sguardo di Elettra

Annunci

Il cielo di sabbia, Joe Lansdale

Oklahoma Desert Composite - foto: Victoria Anglin, flickr
Oklahoma Desert Composite – foto: Victoria Anglin, flickr

Ho appena finito di leggere *Cielo di sabbia* _traduzione bruttina dell’invece molto bello *All the earth, thrown to the sky*_ di Lansdale, ed. Einaudi, e, mentre sto pensando a cosa scrivere di questo libro, il mio Ipod in modalità shuffle mi tira fuori My Oklahoma Home, dell’album We Shall Overcome: The Seeger Sessions di Bruce Sprinsgteen, e mai colonna sonora fu più azzeccata.

Continua a leggere Il cielo di sabbia, Joe Lansdale

Tra un libro e l’altro

Così continuiamo a remare, barche contro corrente, risospinti senza posa nel passato.

Quando parecchi anni fa ho terminato Il Grande Gatsby piangevo a calde lacrime. Di fatto, finire un libro  è un lutto che si ripete ogni volta che chiudiamo l’ultima pagina. Di colpo, quel mondo complesso di personaggi e storie torna sorprendentemente a essere un oggetto inanimato sul comodino.  Impossibile riporlo immediatamente sullo scaffale: la sua posizione privilegiata fino a quel momento rende il distacco insopportabile.  Continua a leggere Tra un libro e l’altro

Resurrezione di Lev Nikolaevic Tolstoj

Per quanto gli uomini, riuniti a centinaia di migliaia in un piccolo spazio, cercassero di deturpare la terra in cui si accalcavano, per quanto la soffocassero di pietre, perché nulla vi crescesse, per quanto estirpassero qualsiasi filo d’erba che riusciva a spuntare, per quanto esalassero fumi di carbon fossile e petrolio, per quanto abbattessero gli alberi e scacciassero tutti gli animali e gli uccelli, la primavera era prmavera anche in città.

L’ultimo romanzo scritto da Tolstoj è una storia d’amore e insieme un pamphlet di denuncia; ma, ancora di più, un percorso di rassegnazione, a dispetto del titolo. Senza troppi preamboli, eccoci in carcere. La telecamera inquadra subito la protagonista del libro, la Maslova, una prostituta ingiustamente accusata di aver avvelenato un cliente che sta per essere condotta in tribunale.
Continua a leggere Resurrezione di Lev Nikolaevic Tolstoj