Il cielo di sabbia, Joe Lansdale

Oklahoma Desert Composite - foto: Victoria Anglin, flickr
Oklahoma Desert Composite – foto: Victoria Anglin, flickr

Ho appena finito di leggere *Cielo di sabbia* _traduzione bruttina dell’invece molto bello *All the earth, thrown to the sky*_ di Lansdale, ed. Einaudi, e, mentre sto pensando a cosa scrivere di questo libro, il mio Ipod in modalità shuffle mi tira fuori My Oklahoma Home, dell’album We Shall Overcome: The Seeger Sessions di Bruce Sprinsgteen, e mai colonna sonora fu più azzeccata.

It blowed away, it blowed away
All the crops I planted blowed away
You can’t grow any grain if there isn’t any rain
All except the mortgage blowed away

It looked so green and fair, when I built my shanty there
I figured I was all set for life
I put on my Sunday best with my fancy scalloped vest
And went to town and picked me out a wife

She blowed away, she blowed away
My Oklahoma woman blowed away
Just as I bent and kissed her, she was picked up by a twister
My Oklahoma woman blowed away

Now I’m always close to home no matter where I roam
For Oklahoma dust is everywhere
Makes no difference where I’m walkin’
I can hear my chickens squawkin’
I can hear my wife a-talkin’ in the air

Il romanzo prende avvio in Oklahoma, durante una tempesta di sabbia.

Già, quel vento bastava a gettare a terra un uomo adulto, ma niente era peggio della polvere. Quando era rossa capivo che arrivava dall’Oklahoma, dove stavamo anche noi. Ma se era bianca significava che un pezzo di Texas ci stava cadendo sulla testa, e se le folate erano più scure giungevano con buona probabilità dal Kansas o dal Nebraska.

Jack, il ragazzino protagonista e voce narrante, si trova a seppellire entrambi i genitori: la madre è morta per l’ennesima tempesta di sabbia, il padre si toglie la vita, sconfitto da tutte le tragedie che la sabbia ha portato con se’: i campi si sono inariditi e non hanno prodotto più nulla, poi è arrivata la siccità ed è stato costretto a vendere gli animali per comprare un po’ di cibo, infine la malattia ha portato via sua moglie.

Jack ha finito da poco questa triste incombenza e sta cercando di trovare un modo di cavarsela, quando vede emergere dalle nubi di sabbia due ragazzi, Jane e il fratellino Tony. Anche loro sono rimasti orfani, cosi decidono di rubare la Ford al vicino morto, e partire alla volta del Texas sudorientale, dove la sabbia non c’è e il terreno è fertile.

Ma il loro viaggio diventa un’avventura degna di Ulisse _per citare la colta e molto fantasiosa Jane_, un po’ per sfurtuna, un po’ per tutte le balle che si inventa Jane, un po’ per il loro desiderio di avventura, e cosi appena escono da un guaio, finiscono dentro uno peggiore: rapinatori di banche, coltivatori schiavisti, assassini.

L’occhio disincantato di Jack, l’innocenza di Tony, la fantasia sfrenata di Jane rendono la lettura molto piacevole e avvincente, non ai livelli di *La sottile linea scura* o di *Echi perduti*, ma bello comunque.

*giuliaduepuntozero

5 pensieri riguardo “Il cielo di sabbia, Joe Lansdale”

  1. Di Landsale non avevo letto nulla e del libro “Cielo di sabbia” mi e’ piaciuta molto la descrizione del periodo in cui e’ ambientato; quest’America in piena depressione dell’inizio degli anni trenta che ci ricorda pericolosamente i tempi che stiamo vivendo o che potremmo trovarci a vivere…
    Si respirano un po’ le atmosfere dei romanzi di Steinbeck (Furore) e anche di Kaye Gibbons (Una donna virtuosa – Ellen Foster) dove esisteva una poverta’ cosi’ vicina alla miseria che credo in Italia, almeno dal 1920 in su, non abbiamo mai provato.
    Come scrive giulia duepuntozero una colonna sonora “giusta” potrebbe spaziare dalle ballate di Pete Seeger a Woody Guthrie al boss Springsteen che ci raccontano l’america degli hobos, la continua lotta con la polizia ferroviaria per spostarsi in treno poi questi accampamenti alle porte delle citta’ dove a volte la generosita’ e la violenza si alternano e ci mostrano quanto gli individui possano essere diversi.
    Tornando al libro la storia e’ un susseguirsi di incontri e mutamenti di scena; i protagonisti sono dei giovani coraggiosi e potenzialmente positivi forse mi sarei aspettato un finale piu’ tragico e violento (alla cormack mc carthy) pero’ va bene anche cosi’ di questi tempi….

    Mi piace

  2. mi potete fare l’analisi di questo libro( focalizzazione,se ci sono prolessi o analessi, com’è il narratore ecc…) rispondete e urgente!!!😉

    Mi piace

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...