I libri più belli del 2012, secondo il New Yorker

Il New Yorker, per la selezione dei migliori libri dell’anno, chiede ad alcuni dei più prestigiosi fra i suoi collaboratori di indicare cosa abbiano particolarmente gradito fra le uscite degli ultimi dodici mesi.New-Yorker

Eccone alcuni. Su tutti, cito due delle indicazioni di Teju Cole, l’autore di Open City

Katie Kitamura, Gone to the Forest. Kitamura è una giovane autrice nata in California, di origine giapponese e che vive a New  York; una storia su come “la violenza fra uomini ‘civilizzati’ possa emergere in forme distruttive”. Per Kitamura il Nyt ha addirittura parlato di “talento prodigioso”.

David Alan Harvey, book of Rio de Janeiro photos, “(based on a true story)”. Definisce un nuovo standard per i libri di fotografia; immagini straordinarie e un design bellissimo.

Malcolm Gladwell, invece, cita Mischa Hiller, Shake off. Un thriller che sperimenta tutti i tropi del genere pur essendo decisamente originale.

Il resto sul New Yorker

 

2 pensieri riguardo “I libri più belli del 2012, secondo il New Yorker”

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...