Alice Munro, la scrittrice dei Segreti svelati non scrive più

Alice Munro
Alice Munro, scrittrice canadese di racconti brevi

“Alla mia età non vuoi più essere sola come uno scrittore deve essere”. Con queste parole la scrittrice canadese Alice Munro ha annunciato di voler mettere via la penna e ritirarsi dal suo mestiere. Basta racconti brevi, basta nuove pubblicazioni. Quando l’ho saputo sono corsa a prendere la sua raccolta Segreti Svelati (Einaudi) che, neanche a farlo apposta, mi è stata donata solo una settimana fa.

Non avevo mai letto nulla della splendida 83enne. Aprendo Segreti Svelati ho incontrato Louise e Frances e Maureen, poi Lisa e Heather. Donne raccontate nella loro vita in Canada, in contesti molto locali e puntuali, dove il dettaglio e il particolare danno loro e alle loro vicissitudini forma quasi visibile. Ma dove, allo stesso tempo, le situazioni e le sensazioni che queste donne raccontate trasmettono, hanno una grande valenza universale.

Mi ha colpito la scrittura. Accarezza i personaggi ma li dipinge in modo netto e dettagliato, mostra la loro debolezza e ne mette in evidenza i contrasti devastanti dell’interiore, usa un’ironia nel descriverne atteggiamenti e situazioni quasi impietosa. Ma mai irrispettosa.

Louisa era più brillante, più simpatica e bella della maggior parte delle donne sposate. Cos’era accaduto a una donna simile? A volte solo sfortuna. O una scelta sbagliata in un momento importante.

Questo passaggio, quasi all’inizio del racconto Travolto dai sentimenti, mi ha colpito. Il contrasto tra l’evento (alibi?) incontrollabile e passivo della sfortuna e l’atto volontario, razionale e attivo della “scelta sbagliata” presentati come alternative così diverse tra loro non può non accendere l’attenzione sulla giovane ragazza canadese che all’inizio del ‘900 si trova ancora sola. E non te la fa più spegnere.

Le sue donne sono piene di emozioni. Riflettono su di esse, le raccontano a se stesse e a te che leggi. Hanno difetti e debolezze, sbagliano, si comportano in modo a volte irriverente. Ma sono sempre descritte nella loro complessa delicatezza. Come Maureen:

Maureen sentiva che la metteva in difficoltà (si riferisce a Mary, ndr), ma non poteva farci niente, sentiva che le veniva lanciata una sfida per via del suo matrimonio fortunato e del suo corpo alto e sano – tranne un’unica sfortuna nascosta: le avevano legato le tube per renderla sterile – e della sua carnagione rosea e dei capelli ramati e dei vestiti per cui spendeva un sacco di soldi e a cui dedicava molto tempo. Come se dovesse qualcosa a Mary Johnstone, una compensazione mai specificata. O come se Mary Johnstone vedesse più lacune di quelle che Maureen era disposta a fronteggiare

In un’intervista pubblicata su La Repubblica nel 2008 e ripresa anche su questo blog Munro ammette di guardare i personaggi dei suoi racconti con “comprensione… Non scrivo così perché io sia particolarmente buona. Ma perché posso immaginare che io stessa, in certe condizioni, potrei comportarmi in maniera disonorevole”.

Peccato che non scriverà più. Peccato non abbia più voglia di essere “sola come uno scrittore deve essere”. Ma bello averla scoperta. Ho molto ancora da leggere.

5 pensieri riguardo “Alice Munro, la scrittrice dei Segreti svelati non scrive più”

  1. Ad una certa età puoi scoprire che alcune attività che prima erano automatiche, adesso cominciano a costare fatica!
    Prendiamo il bello della situazione: ha voluto comunicarcelo.
    Io la adoro! Non tollero i racconti, eppure i suoi li ho divorati.
    Fu amore a prima vista con IL SOGNO DI MIA MADRE.

    Mi piace

  2. Ma non è la prima volta.
    Già nel 2005 la grande Alice ebbe scrivere:
    “Forse la vera ragione per smettere di scrivere è che sto invecchiando. Sono vecchia.” etc.

    Testo integrale su
    http://scritture.blog.kataweb.it/francescamazzucato/2008/09/15/alice-munro/

    A suo tempo ne scrissi anch’io, sul mio blog
    http://nonsoloproust.wordpress.com/2008/09/07/la-vecchiaia-di-alice-munro/

    Che cosa mi aspetto adesso?
    Che la grande Alice continui a scrivere, magari privatamente e lasciando le sue carte (o i suoi file) in un cassetto o nella pancia di un hard disk.
    Difficile, io credo, che chi abbia il “vizio di scrivere” ad un certo punto davvero riesca a non scriver più.

    Mi par proprio di vedere già, però, veri e propri stormi di avvoltoi letterari che volteggiano sulla povera Alice aspettando che tiri le cuoia per poter così poi tirar fuori inediti su inediti e post mortem su post mortem….

    Alla faccia delle letture e delle riletture di quel che scrive Kundera ne “I testamenti traditi”.

    Mi piace

  3. Può essere che ci ripensi, lo spero, ma in questo momento trovo sia una decisione rispettabile come ammettere di non poter dare quello che i lettori si aspettano da lei, tutte le emozioni che fino adesso ci ha regalato

    Mi piace

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...