Perché è un errore la legge contro il negazionismo

Qui sotto l’appello degli storici contro la legge che istituisce il reato di negazionismo. L’appello è stato pubblicato dal portale della rete degli Istituti per la storia della Resistenza e della società contemporanea in Italia.

È un riflessione importante quella che gli storici invitano a fare. Perché ovviamente non si tratta di discutere se deve o no avere cittadinanza nel dibattito civile chi nega, per esempio, lo sterminio degli ebrei. Ovviamente non deve averla. Ma una società civile accorta usa strumenti adeguati per annullare gli effetti dei discorsi deliranti dei negazionisti: l’educazione, la cultura e la ricerca.
Continua a leggere Perché è un errore la legge contro il negazionismo

Annunci

Teju Cole, Città aperta, il nuovo libro del gruppo di lettura di Cologno Monzese

Giovedì 14 novembre, ore 21, in biblioteca (Piazza Mentana, 1) il Gruppo di lettura di Cologno Monzese discuterà il libro di Teju Cole, Città aperta, Einaudi.

Manhattan, dal Rockefeller Center, New York
Manhattan, dal Rockefeller Center, New York (Martin St-Amant, creative commons, Attribution-ShareAlike 3.0)

Cole, è uno scrittore dalla doppia cittadinanza, americana e nigeriana, nato nel 1975 in Michigan ma con un’infanzia a Lagos in Nigeria. Ora vive a New York e il suo libro, Open City, è un libro su New York, un romanzo, anche se atipico.
Una fiction scritta con tono, registro, stile, idee, cadenze, argomenti fra il diario e il memoir, narrato in prima persona da Julius: un giovane psichiatra (ha circa 30 anni) nato da un padre nigeriano e da madre tedesca, in tirocinio alla Columbia Presbyterian, che gira per la città (e per qualche giorno anche a Bruxelles) con la pazienza e la curiosità del flâneur, ma anche l’occhio attento dell’osservatore che scava in profondità, e nel tempo, caro a W.G. Sebald.
Continua a leggere Teju Cole, Città aperta, il nuovo libro del gruppo di lettura di Cologno Monzese

La Famiglia Mushkat di Isaac Bashevis Singer, un capitolo inedito

Per i molti affezionati lettori di Isaac Bashevis Singer potrebbe essere un evento davvero importante: Feltrinelli pubblica un capitolo inedito – addirittura “l’ultimo”, quindi un nuovo finale – de La famiglia Mushkat (Moskat nella versione delle traduzioni precedenti).
Continua a leggere La Famiglia Mushkat di Isaac Bashevis Singer, un capitolo inedito

Murakami Haruki: la nuova Metamorfosi di Gregor Samsa

Il New Yorker pubblica un racconto di Murakami Haruki ispirato alla “Metamorfosi” di Franz Kafka.

In breve, questo Samsa di Murakami si sveglia in un letto e scopre di essere un uomo. Già. Eccone due passaggi, spero valga come invito alla lettura.
Continua a leggere Murakami Haruki: la nuova Metamorfosi di Gregor Samsa

Alice Munro, un Nobel per i gruppi di lettura (e per i racconti)

Il Nobel a Alice Munro, il 10 ottobre 2013, è stato anche un premio per il racconto tradizionale, espresso da una voce narrante che è quasi tutt’uno con quella dei personaggi, quasi simile a quella di un memoir. Per questo i racconti di Munro sono molto apprezzati dai lettori dei Gruppi di lettura che trovano in essi l’ambiente ideale per identificarsi con le storie. E quindi per parlarne.

Alice MunroI lettori, quelli di letture intense, amano i racconti (a parte alcuni che li evitano, con motivazioni comunque interessanti che hanno a che fare con l’apparente effimera esistenza dei personaggi e delle storie).

Su questo blog i commenti suggeriscono letture di short stories: da Cechov a Trevor, da Cheever a Carver a Mavis Gallant. Per citarne solo alcuni. Il gruppo di lettura di Cologno, in uno dei prossimi incontri, leggerà alcuni racconti di scrittrici, fra le quali anche Alice Munro, decisione presa prima dell’annuncio del Nobel.
Continua a leggere Alice Munro, un Nobel per i gruppi di lettura (e per i racconti)

Comprare i libri: ecco perché farlo

libri
Già… perché compriamo un libro? Fino a qualche anno fa se si voleva leggere non c’era alternativa: bisognava entrare in una libreria e acquistarne uno. Oppure andare in biblioteca e prenderlo in prestito. Si aveva in mano un oggetto, un corpo che poi si metteva fisicamente in un posto: su uno scaffale, dentro un mobile, per terra sulla pila costituita da altri libri. Ben diverso da oggi, quando spesso per trovare un testo abbiamo bisogno di scuotere il nostro Kindle o un tablet e aspettare che da qualche parte si materializzi il titolo. Ma allora questo vuol dire che la tecnologia ha fatto dell’acquisto del libro un acquisto inutile? Continua a leggere Comprare i libri: ecco perché farlo