Scrittori al lavoro, una raccolta di fotografie

William Faulkner (da writersatwork.pfauth.com)
William Faulkner (da writersatwork.pfauth.com)

Una segnalazione di un blog davvero bello e molto apprezzato dai lettori: Writers At Work (@writersphotos su Twitter) raccoglie foto di scrittori al lavoro, seduti alla scrivania, intenti a scrivere o a conversare.

Continua a leggere Scrittori al lavoro, una raccolta di fotografie

Annunci

Gli e-book e il nuovo lettore digitale

Dall’oralità alla scrittura. Dal rotolo di carta al manoscritto. Dal manoscritto al libro stampato. E ora dal libro stampato a quello digitale. La “quarta rivoluzione”, come viene definita ormai da anni, è cosa fatta. Anche chi tenta di chiudersi tra le mura della tradizione non può negarlo: nel momento in cui un colosso come Amazon lancia il servizio Kindle Unlimited (9,99 euro per scaricare in un mese tutti i libri digitali e audio che si vuole tra i 600 mila offerti), è chiaro che la rivoluzione è proprio esplosa. Ma la domanda è: il destinatario di questa rivoluzione, il lettore digitale, sarà un lettore migliore o peggiore di quello dei volumi di carta? Continua a leggere Gli e-book e il nuovo lettore digitale

Perché un gruppo di lettura dovrebbe essere “pubblico”

Tranquilli, nessuna pretesa di definire una legge di necessità. È piuttosto una questione di forza, di capacità di crescere, di essere aperti ad altri lettori, di guardare al futuro.
Per questo più volte abbiamo definito “pubblico” il gruppo di lettura migliore.
Continua a leggere Perché un gruppo di lettura dovrebbe essere “pubblico”

Moby Dick: la vera storia della balena Mocha illustrata

Una delle ilustrazioni di Randall Enos in "Mocha Dick: The Legend and the Fury" presa da Brain Pickings
Una delle illustrazioni di Randall Enos in “Mocha Dick: The Legend and the Fury” presa da Brain Pickings

Tutti la chiamiamo Moby Dick, ma in realtà il nome della grande balena che ha ispirato la favola di Herman Melville è Mocha Dick, un vero cetaceo, un capodoglio bianco (albino) che viveva nell’Oceano Pacifico all’inizio del XIX secolo al largo del Cile, precisamente nei pressi dell’isola di Mocha, da cui il nome. Ora, in un libro  (che è possibile acquistare su Amazon) la sua storia viene raccontata da Brian Heinz con bellissime illustrazioni firmate da Randall Enos. Continua a leggere Moby Dick: la vera storia della balena Mocha illustrata

Nadine Gordimer legge un racconto (1923 – 2014)

Addio a Nadine Gordimer, l’autrice bianca sudafricana che ha urlato il dolore per il suo paese afflitto dall’apartheid e poi la gioia del trionfo della libertà e di Nelson Mandela e poi ancora la preoccupazione e la disillusione per la dura realtà degli anni della ricostruzione e della conciliazione.
Premio Nobel nel 1991.

La ricordiamo anche qui dal blog con questo video: è lei che legge un suo racconto “Loot” alla Harvard University nel 2005. Il racconto fa parte della raccolta Loot and Other Stories

L’arte di dipingere i libri

libri

Il Colleen Theisen dell’Università dell’Iowa ha condiviso in Rete un video con alcuni esempi della fore-edge painting ovvero l’arte di dipingere e nascondere dei dipinti sul bordo dei libri. Nel video, pubblicato sul sito de La Stampa e che potete vedere cliccando sulla foto in alto, alcuni bellissimi esempi di quest’arte che risale al XVII secolo.

New Yorker, tutto online. Con metered paywall (fra tre mesi)

Il New Yorker ha dunque deciso di dare più forma e sostanza alla presenza online.

Dal 21 luglio il sito cambia aspetto, aumenta la quantità di contenuti e le caratteristiche di fruizione.
Per tre mesi pubblicherà con libero accesso tutti i nuovi articoli usciti sul settimanale; tutti i post scritti appositamente per il sito web; e tutto l’archivio dal 2007 a oggi.
the new yorker
L’idea è di aumentare i visitatori e i lettori facendo conoscere a una platea più vasta la produzione di grande qualità del settimanale di Condé-Nast.
Questi tre mesi verranno usati per misurare quanto si estende l’utenza dei lettori, per valutare cosa viene letto di più e quanto. E ovviamente per raccogliere tutte le informazioni possibili sulle caratteristiche di chi frequenta il sito.
Continua a leggere New Yorker, tutto online. Con metered paywall (fra tre mesi)