Martin Amis, Lionel Asbo al gruppo di lettura “Leggere il XXI secolo”

Giovedì 15 gennaio si terrà in biblioteca a Cologno Monzese (Piazza Mentana 1) la terza riunione del gruppo di lettura “Leggere il XXI secolo”, questa volta dedicata al libro di Martin Amis, Lionel Asbo. Stato dell’Inghilterra (Einaudi).

martin-amis

Pare un fumetto

Un romanzo acido ma dai toni che mi ricordano quelli di un fumetto: feroce ma anche grottesco, suscita il sorriso amaro in molti passaggi, a volte anche un accenno di risata, forse perché la risata ci aiuta a esorcizzare l’orrore quotidiano e “grafico” che la voce narrante evoca.

Senza affrontare la vicenda – difficile comunque inquadrarla come un vero intreccio – basta dire che Amis sembra ci voglia proporre una versione estremamente sgradevole dell’Inghilterra (ma forse anche dell’intera Europa occidentale) di oggi. E non teme certo di essere “politicamente scorretto” quando ci ricorda quanto sia brutta e degradata e violenta e spesso sì, ridicola – di un ridicolo amaro – la vita per molta parte della popolazione povera e collocata ai margini della società. Gente che così vista non suscita nessuna simpatia, o sentimento di rispetto. Perché è autodistruttiva e spesso cattiva, molto cattiva.

Siamo anche disposti ad ammirare Lionel

Anche se, come spesso succede, non tutto è come sembra a prima vista e non solo ci sono personaggi che saremmo disposti ad ammirare, almeno un po’, Des per esempio; ma persino a Lionel un po’ il lettore finisce per affezionarsi: anche se non so esattamente, a questo punto della lettura, dire perché.

Certo Amis non vuole far letteratura di denuncia, né vuole suggerire nessuna interpretazione, almeno nessuna semplice e “morale” o evidente.
Per questo il lettore si fa trasportare dalle descrizioni e dalle considerazioni, evita il ridicolo esercizio di giudicare Lionel, il giovane protagonista, troppo violento, stupido e cattivo e ridicolo, grottesco spesso – insieme ai suoi due pitbull psicopatici ai quali dà la birra la sera prima di un’azione punitiva – per diventare davvero odioso.

Des, un personaggio che ha bisogno di cultura

E poi il lettore prova un certo piacere nel seguire il nipote di Lionel, Des, 15 anni, orfano, nelle sue avventure sessuali improbabili ma soprattutto nel suo pensare arguto e raffinato, nel suo bisogno di cultura, ma allo stesso tempo non troppo a disagio in quel mondo degradato, Diston. Diston è una periferia di Londra immaginaria, dove l’aspettativa di vita dei maschi è di 55 anni; dove le ragazze si trovano madri a 12, e nonne a 39. Dove le discariche di apparecchiature elettroniche sono panorama abituale per chi vive in quelle torri altissime nelle quali le ascensori spesso non arrivano oltre il 20esimo piano e gli altri 40 vanno fatti a piedi.

Una distopia potrebbe sembrare l’oggetto di questo romanzo se la scrittura di Amis sfiorasse il sermone. Che invece rifugge.

Leggo recensioni che sottolineano che non si tratta certo di uno romanzi più rilevanti dell’autore inglese. Anche se qualcuno ne sottolinea il carattere forte e la capacità di aderire fino in fondo al mondo che descrive, evitando proprio in questo modo tutti i rischi della predica. Anzi, c’è chi ha addirittura visto nella voce narrante una certa infatuazione per gli aspetti più fastidiosi del mondo che descrive.

Comportamento anti-sociale

Quanto alla storia, per non rovinare la lettura di chi è interessato al plot, piuttosto esile per la verità, basta dire che la vita di Lionel – il cui cognome, “Asbo”,  un gioco attorno all’acronimo “Anti-social behavior order”, un meccanismo legale britannico per gestire persone con comportamento distruttivo cronico nei confronti della società – potrebbe cambiare grazie a una sostanziosa vincita di denaro alla Lotteria. E invece, eccolo ancora più cattivo che quasi si fa fatica a crederlo.

Cosa pensa il narratore dei suo personaggi

Per chiudere qui, credo che una delle domande più interessanti che mi sono venute leggendo riguardi l’atteggiamento del narratore (e dell’autore implicito e forse anche dello scrittore) nei confronti di questi personaggi. Vuol loro bene, in fondo, almeno un po’? Oppure è disprezzo soltanto quello con il quale si aggira fra queste vite, disprezzo che tiene a bada con la sua abilità linguistica? Il che, con una risposta che punta solo sul disprezzo, implicherebbe che sia il sarcasmo al vetriolo a indurci a ridere di Asbo e di tutta Diston.
Vedremo.

4 pensieri riguardo “Martin Amis, Lionel Asbo al gruppo di lettura “Leggere il XXI secolo””

  1. Incollo qui sotto il mio commento che avevo postato sull’altro articolo.

    @tutti @LuigiGavazzi
    Ho apprezzato moltissimo “Lionel Asbo” di Martin Amis: era da un pezzo che non leggevo un libro che riesce, a tratti e in alcuni punti anche nello stesso momento, a farti ridere e piangere, a indurti a riflettere e a farti provare paura e sconcerto.

    Da parte mia è il primo incontro con questo autore che, per come ho vissuto io la lettura del suo libro, non ha niente da invidiare al pur bravissimo McEwan!

    Ciao,
    Mariangela

    Mi piace

  2. Sull’onda lunga di Trainspotting di Irvine Welsh (libro pubblicato meò 1993 e reso celebre dal film omonimo di Danny Boyle), il XXI secolo inizia per Martin Amis con la fine della middle class e, forse, del politically correct inglese. Amis non fa nulla per far apprezzare i personaggi del romanzo (compreso il giovane Des) e, secondo me, non si pone nemmeno il problema di affezionarsi e di farci affezionare ad uno di loro. Quello su cui intende farci riflettere è: cosa significa essere inglesi nel XXI secolo? La stessa domanda potrebbe esssere posta a un francese, a un italiano, …
    Amis gioca con il linguaggio e lo fa soprattutto quando accetta che Lionel dia un nome immaginario al quartiere in cui vive con Des: Diston, un modo per antropizzare e fare proprio uno spazio che anonimo e disumanizzante, diventa familiare.

    Mi piace

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...