L’immaginazione morale che ci regalano i romanzi

In un libro sull’etica (Il coraggio dell’etica. Per una nuova immaginazione morale, Raffaello Cortina editore) pubblicato nel 2012, Laura Boella, filosofa che insegna a Milano, ha dedicato un intero capitolo alla concezione dell’immaginazione in Iris Murdoch (nella foto qui sopra).
La riflessione di Boella è anche una forte indicazione delle implicazioni etiche della letteratura e dell’arte.

Filosofa e romanziera, a lungo legata intellettualmente e d’amicizia a Philippa Foot (una delle ideatrici dell’esperimento mentale del “carrello ferroviario”) e Elizabeth Anscombe, Murdoch, ci spiega Boella, ha ben sintetizzato la forza creatrice di bene dell’immaginazione, che trova nell’arte e nella letteratura una raffigurazione potente, “narrativa” della capacità (essenzialmente morale) di riconoscere il bene, nelle cose o nelle persone.
Continua a leggere L’immaginazione morale che ci regalano i romanzi

Annunci