Archivi tag: Mappe per amanti smarriti

Amara Lakhous, Divorzio all’islamica a Viale Marconi

Amara Lakhous
Amara Lakhous

La copertina simpatica, divertente è già di per sè un invito alla lettura dell’ultimo romanzo dell’algerino Amara Lakhous: Divorzio all’islamica a Viale Marconi, pubblicato da e/o a fine 2010.
Amara Lakhous, Divorzio all’islamica a Viale Marconi, copertina
È sempre Chiara Carrer l’illustratrice, efficace con i suoi caratteri graphic, essenziali: la stessa del fortunato Scontro di civiltà per un ascensore a Piazza Vittorio.
È lei che sin dalla copertina ci introduce nel romanzo, facendoci subito conoscere i personaggi, presentati con un duplice nome. In particolare notiamo i due protagonisti: Issa/ Christian e Safia/ Sofia.

Sono loro i narratori in un romanzo organizzato in capitoli: in un capitolo è Issa a raccontare, nel successivo è Sofia a farci conoscere gli eventi della storia e il loro punto di vista.
Continua a leggere

Nadeem Aslam, uno scrittore pakistano da non perdere

LA VEGLIA INUTILE, un nuovo romanzo di NADEEM ASLAM, pubblicato da FELTRINELLI in ottobre 2008, a poco più di un mese dalla pubblicazione dell’originale in lingua inglese in Inghilterra.

Un romanzo molto atteso per il grande interesse suscitato in me nel 2004 da  MAPPE PER AMANTI SMARRITI. Un romanzo polifonico che – con una trama quasi gialla – senza retorica, con lucidità, con pietosa partecipazione descrive le “gabbie religiose, politiche, sociali” che rendono ancora più dura la vita di migranti, soprattutto pakistani, che continuano ad avere lo sguardo alla patria perduta.

Tra i temi affrontati la mancata integrazione in una città senza nome, ribattezzata Città della solitudine in un’Inghilterra multiculturale, ma che spesso ghettizza, anche perché gli stessi migranti di prima generazione si autoghettizzano.

E’ l‘ISLAMISMO in primo piano con le sue storture, contraddizioni che producono forme di violenza soprattutto sulle donne. Un islamismo con volti diversi, che può degenerare in fanatismo e che come tale è condannato da Nadeem Aslam che si definisce laico, ma di cultura musulmana. Leggi tutto il post